Senza lavoro e costretto a chiedere l'elemosina: vince 300mila euro

È successo in provincia di Ancona, dove la dea bendata ha baciato un 60enne costretto da tempo a mendicare. Ha ringraziato con un cospicuo assegno i titolari della tabaccheria dove aveva acquistato il biglietto

188
di Redazione
24 settembre 2020
13:49
Tiziano con i titolari della tabaccheria (foto Ansa)
Tiziano con i titolari della tabaccheria (foto Ansa)

Disoccupato da tempo, Tiziano ormai si era abituato alla sua nuova vita fatta di lavoretti saltuari e elemosina chiesta ai semafori, dove attirava l’attenzione degli automobilisti eseguendo un numero con il suo cappellino. Da anni ha perso il lavoro in una ditta di pulizia e vive con la madre anziana in un popoloso quartiere della città. Poi, il colpo di fortuna: 300mila euro vinti con un gratta e vinci da 5 euro.

 

L’uomo, un 60enne di Jesi (Ancona), ha acquistato la scheda il 16 agosto scorso dal distributore automatico della Tabaccheria delle Logge di Viale Verdi. In questi giorni ha riscosso la vincita in questi giorni e ha dato un segno della propria riconoscenza presentandosi in tabaccheria con un cospicuo assegno. Nel frattempo si è tagliato la barba e accorciato i capelli lunghi, look con il quale era noto in città, benvoluto per la sua gentilezza e la disponibilità a fare piccoli lavoretti. Dai titolari della tabaccheria si è presentato con lo stesso sorriso sfoggiato per anni durante gli 'show' al semaforo. Gli spiccioli ricevuti li depositava nella stessa filiale di banca che ora l'ha aiutato a riscuotere la vincita. Anche a loro a voluto dimostrare la propria gratitudine, invitando a cena tutti i dipendenti della filiale.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio