Balcani

Nuove tensioni tra Serbia e Kosovo, la Nato pronta a intervenire. Mosca: «Basta provocazioni»

I serbi non accettano le nuove misure varate da Pristina su documenti d’identità e targhe. Le Nazioni unite monitorano la situazione

 

26
di Redazione
1 agosto 2022
07:43
Il presidente serbo Vucic (Foto Ansa)
Il presidente serbo Vucic (Foto Ansa)

Nuove tensioni sono sorte tra Kosovo e Serbia e c'è chi teme uno scontro armato fra i due Paesi. I serbi non accettano le nuove misure varate da Pristina sul divieto di documenti di identità e di targhe serbi in Kosovo a partire da lunedì primo agosto.

La Nato ha annunciato che è pronta a intervenire con la Kfor se la stabilità nel Paese diventasse «a rischio».


Gruppi serbi «fuori legge» hanno aperto il fuoco contro la polizia kosovara al confine con la Serbia: lo ha detto il premier kosovaro, Albin Kurti, secondo quanto riporta l'agenzia di stampa turca Anadolu.

«La Serbia non è mai stata in una situazione così complessa e difficile: abbiamo avuto colloqui con rappresentanti dei serbi del Kosovo e Metohija e cercheremo di mantenere la pace. Ma chiedo agli albanesi di cambiare la propria posizione e ai serbi del Kosovo di non cedere alle provocazioni», ha detto in un discorso alla nazione, il presidente serbo Aleksandar Vucic.

Secondo l'agenzia russa Tass, che cita il quotidiano Vecherne Novosti, le forze speciali del Kosovo sono state spostate da Prisitina a nord e a Metohija, dove sono in corso le proteste dei cittadini serbi.

In precedenza è stato riferito che la popolazione serba del Kosovo e Metohija ha protestato sulle principali autostrade della regione, ha iniziato a costruire barricate, diverse dozzine di persone hanno bloccato la strada principale fra Pristina e Raska. Unità speciali della polizia del Kosovo, presenti per le strade, hanno iniziato a ritirarsi nei villaggi circostanti quando è iniziato il raduno dei cittadini.

La Russia chiede alle autorità di Pristina, così come agli Stati Uniti e all'Unione europea, che le sostengono, di porre fine alle provocazioni e rispettare i diritti dei serbi in Kosovo. Lo ha affermato la portavoce del ministro degli Esteri russo Maria Zakharova. «Chiediamo a Pristina, agli Stati Uniti e all'Ue, che la appoggiano, di cessare le provocazioni e di rispettare i diritti dei serbi in Kosovo», ha affermato Zakharova in una nota riportata da Tass.

«I leader dei kosovari sanno che i serbi non rimarranno indifferenti quando si tratta di un attacco diretto alle loro libertà, e si prepareranno a uno scenario militare», ha aggiunto Zakharova.

La Nato è pronta a intervenire nel nord del Kosovo con la sua missione Kosovo Force (Kfor) qualora la sua stabilità sia «a rischio»: così una nota diffusa dall'Alleanza Atlantica in merito alle tensioni crescenti fra kosovari e serbi, scoppiate per una legge del Kosovo che vieta a partire da oggi documenti di identità e targhe serbi in Kosovo.

«La situazione complessiva riguardante la sicurezza nei comuni del nord del Kosovo è tesa. La missione Kfor guidata dalla Nato - si legge - sta monitorando da vicino ed è pronta a intervenire se la stabilità è a repentaglio, in base al suo mandato, derivante dalla risoluzione 1244 delle Nazioni Unite».

 

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top