Emergenza Covid

Omicron, medici di famiglia in allerta: «Situazione critica, visite in studio solo se necessario»

La Società italiana di medicina generale stila un documento nel quale si delinea l’attività dei professionisti alla luce della diffusione della variante: «Il tracciamento è saltato e in tutte le regioni è corsa al tampone»

46
di Redazione
28 dicembre 2021
09:00

A fronte dell'impennata di casi e della diffusione della variante Omicron, l'attività dei medici di famiglia è «inevitabilmente critica e deve nuovamente essere protetta per assicurare la continuità assistenziale da svolgersi in rigorosa sicurezza». Per questo, la Società italiana di medicina generale e delle Cure primarie (Simg) ha stilato un documento con indicazioni utili, in primis quella di frequentare gli studi medici «solo per reali necessità non differibili e evitando affollamenti in sala di attesa».

Tracciamenti saltati e corsa al tampone

A fronte dei dati in aumento, «vi è una corsa al tampone in tutte le regioni, senza che vi sia sempre un'offerta corrispondente; il tracciamento è saltato; chi ha avuto l'infezione da variante delta può essere reinfettato da omicron, i cui tempi di incubazione sono ancora incerti, forse inferiori alle varianti precedenti. I vaccini restano la migliore arma di difesa, purché con tre dosi». Nel documento, consultabile sul sito, la Simg invita i pazienti, in caso di sintomi anche lievi che possano far pensare al Covid, a «isolarsi e contattare tempestivamente il proprio medico, prima di intraprendere qualsiasi iniziativa personale».


Le linee dei medici di base

 L'accesso agli studi medici deve essere programmato, la distanza in sala d'attesa tra ogni individuo deve essere deve essere superiore a 2 metri e la permanenza non deve superare i 15 minuti. Ogni paziente che accede allo studio deve essere trattato sempre come caso sospetto e si dovrà effettuare un'indagine sui contatti degli ultimi giorni. I medici devono gestire i pazienti con sintomi sospetti da Covid-19 «a distanza nei limiti del possibile». In attesa di approvazione da parte delle autorità competenti di nuovi antivirali, i medici di famiglia, conclude la Simg, «hanno un ruolo fondamentale anche nell'indirizzare i pazienti vulnerabili alla somministrazione degli anticorpi monoclonali, unico strumento terapeutico oggi a disposizione».

 

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top