ReiThera, la Corte dei Conti blocca i finanziamenti al vaccino anti-Covid italiano

L'azienda di Castel Romano: «L'interruzione rischia di compromettere l'iter di realizzazione e pregiudicare la società stessa»

1
di Redazione
22 maggio 2021
15:46

Depositate ieri le motivazioni dello stop al vaccino italiano anti-Covid Reithera. L'investimento per il progetto ReiThera non può comprendere l’acquisto della proprietà della sede operativa della Società, sita in Castel Romano, mentre la spesa per la realizzazione del solo impianto di infialamento e confezionamento per il progetto di vaccino Reithera ammonterebbe a 7,734 milioni di euro e non raggiungerebbe la soglia minima di 10 milioni di euro prevista dalle normative, afferma la Corte dei Conti spiegando le motivazioni che hanno portato alla ricusazione del visto al decreto del ministero dello Sviluppo economico che approvava approvato l’Accordo di febbraio 2021, che coinvolgeva anche Invitalia e ReiThera, «volto a sostenere il programma di sviluppo industriale da realizzare presso lo stabilimento produttivo sito in Castel Romano».

«L'inaspettata interruzione» dei finanziamenti per la sperimentazione del vaccino 'italiano' anti Covid di ReiThera «rischia di compromettere l'iter di realizzazione del vaccino e pregiudicare la società stessa». Lo afferma l'azienda di Castel Romano, commentando le motivazioni pubblicate ieri dalla Corte dei Conti.


Le motivazioni «riguardano aspetti tecnici non di competenza della società. L'azienda si è limitata a eseguire quanto di volta in volta indicatole in questo percorso molto lungo» sottolinea ReiThera in una nota.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top