Vaccini Covid, morte sospetta di un docente: il Piemonte sospende AstraZeneca

In un primo momento si era deciso lo stop delle somministrazioni in attesa di far luce sulle ragioni cliniche del decesso. Individuato il lotto di cui faceva parte la dose ricevuta dall'uomo, è stato bloccato solo quello: con gli altri si procede regolarmente

554
di Redazione
14 marzo 2021
14:50

A seguito della morte, avvenuta nelle scorse ore a Biella, di un docente a cui nella giornata di ieri era stato somministrato il vaccino AstraZeneca, in attesa degli esiti dei riscontri per verificare l'eventuale nesso di causa, in via precauzionale il commissario dell'Area giuridico-amministrativa dell'Unità di crisi della regione Piemonte, Antonio Rinaudo, ha disposto immediatamente la sospensione su tutto il territorio regionale della somministrazione del vaccino AstraZeneca per i dovuti accertamenti sul lotto coinvolto.

È stata subito convocata la Commissione piemontese sulla farmaco-vigilanza per l'attivazione di tutte le procedure previste dalla legge. Si riunirà nel pomeriggio.


«Si tratta - specifica l'assessore alla Sanità della regione Piemonte Luigi Genesio Icardi - di un atto di estrema prudenza in attesa di verificare se esista un nesso di causalità tra la vaccinazione e il decesso. Ad oggi in Piemonte non era mai stata segnalata nessuna criticità particolare dopo la somministrazione dei vaccini»

AGGIORNAMENTO 

Nel giro di un paio d'ore è stato individuato il lotto di cui faceva parte la dose sommistrata al docente, il ABV5811. Lotto che rimane quindi bloccato in attesa di accertamenti, mentre è ripresa regolarmente la vaccinazione con gli altri lotti di AstraZeneca a disposizione della regione Piemonte.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top