Vaccino Johnson, l'azienda: «Plausibile ruolo causale in rare trombosi»

Nota informativa della Janssen: «In questa fase non sono stati individuati fattori di rischio specifici». Il siero ha avuto il via libera dall'Ema il 20 aprile e due giorni sono iniziate le somministrazioni anche in Italia

14
di Redazione
27 aprile 2021
11:23

«Una combinazione di trombosi e trombocitopenia, in alcuni casi accompagnate da sanguinamento, è stata osservata molto raramente in seguito alla vaccinazione con Covid-19 Vaccine Janssen. Un ruolo causale del vaccino è considerato plausibile». A riportarlo è una «nota informativa importante concordata con le attività regolatorie europee ed italiane», scritta da Janssen, l'azienda farmaceutica di Johnson & Johnson, e pubblicata sul portale dell'Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa).

Questi casi, come noto, «si sono verificati entro le prime tre settimane successive alla vaccinazione e prevalentemente in donne di età inferiore ai 60 anni» e in «questa fase non sono stati identificati fattori di rischio specifici».


La trombosi in combinazione con la trombocitopenia richiede una gestione clinica specializzata. Per questo, sottolinea la nota, «gli operatori sanitari devono prestare attenzione ai segni e ai sintomi di tromboembolia e/o trombocitopenia» nei soggetti vaccinati con il vaccino Jansssen e questi ultimi «devono essere istruiti a consultare immediatamente un medico se sviluppano sintomi di tromboembolia e/o trombocitopenia, dopo la vaccinazione».

LEGGI ANCHE:
Vaccino Johnson, via libera dell’Ema: «Benefici superano rischi»
Vaccino Johnson, il ministero: «Uso preferenziale agli over 60»
Vaccini, arrivate in Calabria le prime 3600 dosi di Johnson & Johnson

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top