Stupro di gruppo: arrestati due esponenti di Casapound

In manette un consigliere comunale di Vallerano, in provincia di Viterbo, che sui social postava manifesti fascisti contro la violenza sessuale. Insieme a un altro militante di estrema destra, avrebbe abusato di una donna di 36 anni, dopo averla fatta ubriacare

9
di Redazione
29 aprile 2019
12:53
Francesco Chiricozzi
Francesco Chiricozzi

Sconcerto a Vallerano, un comune in provincia di Viterbo, dove sono finiti in manette un consigliere comunale eletto con Casapound Francesco Chiricozzi, e un altro giovane militante con l’accusa di violenza sessuale di gruppo su una donna di 36 anni.

I due uomini avrebbero commesso gli abusi in un circolo privato, l'Old Manners di Viterbo. Il locale, secondo quanto ricostruito dalla Polizia, non sarebbe una sede ufficiale del movimento ma è comunque un luogo considerato un punto di ritrovo tra i militanti del movimento di estrema destra.

La Polizia di Viterbo ha eseguito due ordinanze di custodia cautelare in carcere nei confronti di due giovani. La vicenda risale ad una quindicina di giorni fa: il ragazzo, assieme al complice poco più giovane di lui, avrebbe abusato della donna dopo averla fatta ubriacare.

Sui social il manifesto fascista: «Proteggi le donne»

Francesco Chiricozzi, sui social, mostrava la spavalderia di chi a spada tratta inneggia all’armamentario del Ventennio fascista e a Mussolini.  Posta foto del quadro di Arnold Böcklin più amato da Hitler, cita frasi nostalgiche di D'Annunzio e Julius Evola. Si distingue anche per aver pubblicato su Instagram la foto razzista di un manifesto della propaganda fascista con un soldato di colore che aggredisce una donna bianca e la scritta: «Difendila, potrebbe essere tua madre, tua moglie, tua sorella, tua figlia»

E ancora, dal profilo social, si leggono post razzisti riportanti le frasi «Trova l'intruso... » a commento di un selfie che ritrae l'interno di un pullman alludendo a una donna straniera che siede dietro di lui. In un altro post: «Chi è a favore dello IUS SOLI odia la propria razza, odia la propria cultura, odia la propria identità. Essere a favore di questa legge suicida equivale a pisciare sulla tomba di tutti quegli eroi che con il proprio sangue hanno tracciato e difeso i confini della nostra nazione. Orneremo i nostri lampioni con i vostri corpi penzolanti, traditori». E ancora, «Belli, compatti e Fascisti. Blocco studentesco per mille anni».

Salvini: «Per gli stupratori ci vuole la castrazione chimica»

«Nessuna tolleranza per pedofili e stupratori - commenta Matteo Salvini -: la galera non basta, ci vuole anche una cura. Chiamatela castrazione chimica o blocco androgenico, la sostanza è che chiederemo l'immediata discussione alla Camera della nostra proposta di legge, ferma da troppo tempo, per intervenire su questi soggetti. Chiunque essi siano, bianchi o neri, giovani o anziani, vanno puniti e curati».

L’espulsione da Casapound

Il leader di Casapound Italia, Simone Di Stefano, fa sapere dal suo profilo Twitter che «la persona in questione è stata immediatamente espulsa da CasaPound ed ha rassegnato le dimissioni da consigliere comunale. Qualora risultasse colpevole auspico una pena durissima. Come per ogni altro infame stupratore».

«Per noi è un atto infame. Casapound non si è mai macchiata di reati relativi a violenze sessuali che abbiamo sempre condannati e mai avallato», ha detto all'ANSA il presidente di Casapound Italia Gianluca Iannone. «In attesa che la giustizia accerti la verità dei fatti, Casapound ha deciso di espellere in via cautelativa i due militanti», annunciando inoltre che «domani Francesco Chiricozzi formalizzerà le sue dimissioni da consigliere comunale di Vallerano».

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio