Dj morta, l’ultima pista degli investigatori: Gioele potrebbe essere morto nell’incidente in auto

Il sinistro avvenne lungo l’autostrada Messina-Palermo. La famiglia contatta anche una sensitiva mentre il papà del piccolo lancia un nuovo straziante appello: «Chiunque abbia visto qualcosa si faccia avanti»

57
di Redazione
15 agosto 2020
07:27
Mamma Viviana e il piccolo Gioele
Mamma Viviana e il piccolo Gioele

C'è una nuova ipotesi investigativa sulla morte di Viviana Parisi, la dj di 43 anni trovata senza vita tra i boschi di Caronia sabato scorso, e sulla scomparsa del figlio di 4 anni, Gioele. Alla pista del delitto, ormai esclusa dall'autopsia, e a quella dell'omicidio-suicidio secondo la quale Viviana, depressa da mesi potrebbe aver ucciso il bambino e si sarebbe poi tolta la vita lanciandosi da un traliccio dell'alta tensione, si aggiunge una nuova ricostruzione.

L’ipotesi: Gioele morto nell’incidente

La donna alla guida della propria auto ha avuto un incidente mentre era sull'autostrada Messina-Palermo. Nell'impatto con un furgone il figlio potrebbe essere morto. Sconvolta e in preda al rimorso, Viviana potrebbe aver preso in braccio il corpicino del bimbo, scavalcato il guard-rail, percorso un sentiero sterrato ed essere giunta al traliccio. Lì potrebbe aver nascosto Gioele - l'area è piena di vegetazione e le ricerche sono difficili - e poi essersi buttata giù dal pilone. Accertamenti sono in corso sulla vettura della donna.


L’appello del papà

Straziante il rinnovato appello del papà, Daniele Mondello: «Chiunque abbia visto qualcosa dopo l'incidente, nelle campagne, si faccia avanti, chiami la polizia. Io amo mio figlio e lo voglio trovare», ha detto tra le lacrime.

Le indagini

Intanto il procuratore di Patti, Angelo Cavallo, parlando delle indagini sulla morte della dj Viviana Parisi e sulla scomparsa del figlio ha detto che  «dal video di Sant'Agata di Militello si capisce che Gioele era vivo: si vede la faccia e si vede che è vivo. L'immagine è chiara. E questo rende più fondata l'ipotesi che nell'incidente stradale il bambino fosse con la madre. Parliamo di ipotesi perché c'è un 'buco' di 10 minuti».

Le parole della sensitiva

I familiari del piccolo non lasciano niente di  intentato. Così Mariella Mondello, zia paterna del piccolo, ha contattato anche una sensitiva, Rosa Maria Laboragine, che si dice «convinta che Giole verrà ritrovato a breve». «Lui - aggiunge - è lì, vicino alla madre e probabilmente adagiato su alcune foglie». «Sono diversi giorni - aggiunge Laboragine - che sto male per la situazione di questo bambino. Se non dovesse essere ritrovato tra qualche giorno verrò io ad aiutarli. Sono sicura che il suo corpicino verrà ritrovato e portato alla famiglia».

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio