Evento catastrofico

Vulcano di Tonga, la Nasa: «Esplosione 500 volte più potente di Hiroshima»

Secondo il servizio geologico Usa potrebbe trattarsi della deflagrazione più rumorosa che si sia verificata sulla Terra dall’eruzione nel 1883 del Krakatoa. Arcipelago ancora isolato, solo domani i primi aerei potranno atterrare

 

77
di Redazione
19 gennaio 2022
16:07
L’esplosione del vulcano di Tonga vista dal satellite Goes-17
L’esplosione del vulcano di Tonga vista dal satellite Goes-17

Come la deflagrazione di dieci milioni di tonnellate di tritolo, cioè 10 megatoni. I ricercatori della Nasa hanno calcolato la potenza dell'eruzione avvenuta al largo di Tonga sabato scorso come «500 volte più potente della bomba atomica sganciata su Hiroshima».
E secondo Michael Poland, del servizio geologico degli Usa, «potrebbe trattarsi dell'esplosione più rumorosa avvenuta sulla terra dal 1883, quando esplose il vulcano Krakatoa in Indonesia».

I primi aerei di aiuti d'emergenza per le isole Tonga potranno atterrare da domani dopo che oggi la principale pista d'atterraggio è stata sgomberata dalla cenere del vulcano eruttato sabato scorso, causando uno tsunami.


«La principale pista d'atterraggio, che era sepolta da 5-10 centimetri di cenere vulcanica, è di nuovo operativa», ha annunciato Jonathan Veitch, incaricato di coordinare le operazioni delle Nazioni Unite, aggiungendo che i primi voli attesi, provenienti da Australia e Nuova Zelanda, potranno arrivare domani. Oltre 100 mila persone, l'equivalente della popolazione, sono state colpite dal doppio evento e secondo le prime stime c'è urgente bisogno di acqua potabile.
«Le riserve d'acqua delle isole Tonga sono state gravemente contaminate dalla cenere e l'acqua salata», ha dichiarato Katie Greenwood, della Federazione internazionale della Croce Rossa e Mezzaluna Rossa, aggiungendo che esiste «un rischio elevato di malattie come il colera e la diarrea». Il Paese, considerato Covid-free, e le Nazioni Unite temono inoltre che gli aiuti dall'estero possano portare casi di Covid sull'arcipelago.

Secondo il ministero degli Esteri della Nuova Zelanda, ci vorrà almeno un mese per riparare il cavo di comunicazione sottomarino che collega il resto del mondo alle isole Tonga, al momento senza linee telefoniche e collegamento internet.

Le poche comunicazioni che ci sono state da quando sabato l'arcipelago è stato colpito dalla catastrofe naturale sono state possibili attraverso alcuni telefoni satellitari, per lo più posseduti da ambasciate straniere nella capitale Nuku'alofa. Secondo la società ci sono due rotture separate nel cavo, una situata a 37 km dalla costa e l'altra vicino al vulcano eruttato, il che rende difficile la riparazione. Una nave di riparazione è attualmente in rotta dalla vicina Papua Nuova Guinea.

L'operatore di telefonia mobile Digicel ha ripristinato alcuni servizi domestici 2G di base, ma ha avvertito che il ripristino delle chiamate internazionali potrebbe richiedere ancora molto tempo.

Al termine dell'udienza generale il Papa ha citato il disastro: «Il mio pensiero va alle popolazioni delle isole di Tonga colpite nei giorni scorsi dall'eruzione del vulcano sottomarino che ha causato ingenti danni materiali. Sono spiritualmente vicino a tutte le persone provate, implorando a Dio sollievo nella loro sofferenza. Invito tutti ad unirsi a me nella preghiera per questi fratelli e sorelle».

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top