Acqua, Molinaro (Lega): «Sostenere Sorical nel nuovo corso avviato da Calabretta»

Il consigliere regionale auspica che il tema della gestione dell'acqua rimanga tra i primi punti dell'agenda politica e plaude al lavoro svolto in dieci mesi dal commissario della società

di Redazione
25 agosto 2021
21:20
Pietro Molinaro
Pietro Molinaro

«Ben venga ogni sollecitazione affinché il tema della gestione dell'acqua rimanga tra i primi punti dell'agenda politica regionale, ma non per tentare di vanificare o disperdere il grande lavoro svolto, in dieci mesi, dal commissario della Sorical, Cataldo Calabretta». Lo afferma in una nota il consigliere regionale della Lega Pietro Molinaro.

«Ora che la Sorical sta attuando una nuova strategia di gestione - prosegue - va sostenuta ed incoraggiata, piuttosto che criticata, soprattutto da parte di chi è corresponsabile del funzionamento del sistema idrico. La Sorical presa in carico dal commissario Calabretta si trovava in liquidazione da 9 anni, con un rapporto ingessato e conflittuale tra il socio pubblico, la Regione Calabria, ed il socio privato di minoranza, la Veolia Spa. Sorical, fino a settembre 2020, era stata tenuta in un limbo che la rendeva inutile e lasciava la Calabria priva di un soggetto industriale capace di organizzare il servizio idrico integrato, in conformità al quadro normativo nazionale. In dieci mesi di gestione, Calabretta ha messo le basi per la 'nuova Sorical' e per strutturare il sistema idrico calabrese in modo da sfruttare le potenzialità esistenti, in termini di risorse idriche locali e di risorse finanziarie provenienti dall'UE. Ed avendo chiaro come affrontare alla radice le criticità esistenti, prima tra tutte, la morosità dei comuni calabresi nei confronti di Sorical».


E ancora: «Il percorso che è stato costruito, di concerto con la Giunta regionale, in modo tenace e non scontato, prevede l'acquisizione, a prezzo simbolico, da parte della Regione Calabria delle quote del soggetto privato. Successivamente, si procederà con la revoca dello stato di liquidazione e l'approvazione del nuovo piano industriale già predisposto dai tecnici incaricati. Passaggi amministrativi ed operativi complessi, e propedeutici alla realizzazione degli investimenti per la modernizzazione della rete idrica calabrese. Chi pretende di far credere che in dieci mesi si potesse fare di più, non sa di cosa parla o è in malafede. Per questo motivo, se la protesta per la carenza idrica è comprensibile quando proviene dai cittadini, lo è molto meno quando proviene da chi dovrebbe conoscere la complessità della situazione».

«Dopo anni di trascuratezza - conclude Molinaro - finalmente c'è un rinnovato impegno da parte di Sorical, rivolto a cittadini e turisti, affinché dai rubinetti calabresi esca tutta l'acqua che serve e la depurazione funzioni costantemente. Tutte le istituzioni dovrebbero sostenere il nuovo corso avviato da Cataldo Calabretta».

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top