La nota

Regione Calabria, Csa-Cisal: «Ambulatorio infermieristico della Cittadella riaprirà a settembre»

Il presidio sanitario è chiuso dall’1 ottobre 2020, da quando l’infermiere dell’Asp di Catanzaro andò in pensione

2
di Redazione
22 agosto 2022
09:28
L’infermeria della Cittadella
L’infermeria della Cittadella

L’ambulatorio infermieristico alla Cittadella riapre i battenti dopo quasi due anni. La notizia è stata confermata dal sindacato Csa-Cisal. «Era il primo ottobre del 2020 – si legge nella nota - quando l’infermiere dell’Asp di Catanzaro assegnato alla Cittadella regionale andò in pensione e consegnò le chiavi dell’ambulatorio infermieristico. Da quel momento l’importante presidio per i dipendenti regionali non è stato più garantito ed è rimasto desolatamente chiuso. Il sindacato Csa-Cisal si è dal principio battuto affinché fosse riaperto e fosse garantita una prima forma di assistenza in Cittadella ai lavoratori regionali». 

«Dopo una lunga battaglia, durata quasi due anni, possiamo annunciare che l’ambulatorio infermieristico riaprirà a partire dal primo settembre di quest’anno. Il commissario straordinario dell’Aou Mater Domini ha infatti comunicato, in data 3 agosto, al dipartimento “Organizzazione e Risorse Umane” della Regione che proprio da quel giorno prenderà servizio il personale infermieristico selezionato dopo la manifestazione d'interesse espletata nelle settimane scorse. Finalmente - aggiunge il sindacato CSA-Cisal - tra una decina di giorni le porte dell’ambulatorio potranno riaprire e i dipendenti regionali potranno ricevere la dovuta assistenza in caso di infortuni o malori».


«Sono stati innumerevoli gli episodi, in questi ultimi due anni, in cui i lavoratori sono stati costretti a ricorrere all’intervento esterno del 118, sebbene all’interno della Cittadella ci fossero i locali e le attrezzature atte a prestare quantomeno un primo soccorso. Un’inerzia durata fin troppo a lungo e che finalmente sta per terminare». 

«Attendendo con ansia la riattivazione dell’ambulatorio, occorre fare i dovuti ringraziamenti a chi - a differenza di coloro che in passato hanno fatto promesse senza mantenerle - si è impegnato concretamente per ripristinare il servizio. E quindi al dirigente del settore “Datore di Lavoro”, da sempre impegnato a riattivare l’ambulatorio, al dirigente generale e all’assessore del dipartimento “Organizzazione e Risorse Umane” che hanno dato il via alla nuova procedura amministrativa che consentirà la riapertura e al presidente della Giunta regionale che ha firmato la convenzione con l’Aou Mater Domini per reclutare il personale infermieristico necessario».

«Un lavoro sinergico e proficuo che consentirà ai dipendenti di avere la certezza di un primo soccorso nei casi in cui si rendesse necessario. Una soddisfazione del sindacato CSA-Cisal che ha dimostrato che chi combatte con caparbietà per tutelare gli interessi dei lavoratori è sempre dalla parte della ragione».

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top