Sanità commissariata, Vono (Iv): «Ho proposto un gruppo d’inchiesta»

L’organo – a giudizio della sanatrice Iv – dovrà esaminare e valutare le cause che disagi che da un decennio la regione è costretta a subire

di Redazione
12 novembre 2020
13:32
La senatrice Silvia Vono
La senatrice Silvia Vono

«Ho proposto in Senato l’ istituzione di una commissione d’ inchiesta sul commissariamento inefficace, ma continuamente in proroga, della sanità calabrese che possa esaminare e valutare le cause che disagi che da un decennio siamo costretti a subire affinché si comprenda the, al di là dei brogli veri e presunti, su  cui è deputata a lavorare la magistratura, le responsabilità sono tante, a tutti i livelli, e non si può permettere che, sotto falsi alibi, ancora una volta, tutto  ricada sulle spalle dei  calabresi». Lo fa sapere la senatrice di Italia Viva, Silvia Vono.

 


L’esponente Iv sottolinea: «In Calabria non abbiamo bisogno di nomi altisonanti di personaggi apprezzabili per questioni che però, nulla hanno a che vedere con risanamento economico- finanziario e gestione organizzativo-sanitaria in specifici ambiti ospedalieri e di aziende sanitarie ma di donne e uomini capaci che lavorino mettendo a servizio la loro competenza per ripristinare tutto il sistema sanitario della Regione. Per troppo tempo – aggiunge - le scelte irresponsabili hanno consentito una gestione malsana del budget destinato alla sanità generando tagli ai servizi essenziali per i cittadini».

 

Tanto che si è giunti a «Una mobilità passiva sanitaria sempre in aumento senza mai pensare a come realizzare le condizioni per una mobilità attiva possibile. Varie le proposte che ho avanzato e condiviso con chi di competenza che – fa presente Vono - oltre a fare emergere alcune eccellenze della nostra sanità, avrebbero aperto la possibilità di creare presidi unici di cure in ambiti specifici e punti di riferimento per tutto il Sud. Un percorso interrotto da provvedimenti presentati ai calabresi in pompa magna all’unico scopo di sostituire un commissario con un altro e mettere in mani diverse, politicamente parlando, la sanità calabrese».

 

Per la senatrice si tratta di «Un ulteriore flop che ora proprio gli artefici del danno cercano di mascherare gridando contro il loro stesso nominato e chiedendo ancora nomine di loro gradimento utilizzando nomi altisonanti come specchietti per allodole. Adesso – conclude - è il momento di risolvere tante questioni e dare risposte ai calabresi  sbloccando le risorse disponibili per le attrezzature e i materiali necessari a dare dignità ai nostri ospedali, è tempo di assumere personale per garantire, in questo momento in cui alle patologie classiche ma non meno gravi, si è affiancata la pandemia dovuta al corona virus, l’assistenza necessaria a tutti i cittadini».

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio