Amministrative 2021

Ballottaggio Cosenza, Bianca Rende e i Cinquestelle al fianco di Franz Caruso

Nota ufficiale del coordinatore regionale pentastellato Massimo Misiti: «Necessario che il Comune cambi rotta, impensabile favorire la continuità del centrodestra». Endorsement anche della consigliera uscente

151
di Salvatore Bruno
10 ottobre 2021
16:41
Bianca Rende e Massimo Misiti insieme a Conte. Nel riquadro Franz Caruso
Bianca Rende e Massimo Misiti insieme a Conte. Nel riquadro Franz Caruso

Il Movimento Cinquestelle assume una posizione ufficiale rispetto al ballottaggio in calendario domenica e lunedì prossimi tra i due candidati a sindaco di Cosenza. E con una nota a firma del coordinatore regionale Massimo Misiti, manifesta il supporto a Franz Caruso nonostante l’esponente socialista non abbia chiuso nessun accordo di apparentamento.

Discontinuità necessaria

«Non è pensabile – scrive Misiti - un eventuale sostegno al candidato di centrodestra. In tale ottica il Movimento Cinquestelle sceglie di appoggiare la figura di Franz Caruso come sindaco di Cosenza, quale unica alternativa possibile per intraprendere un percorso di discontinuità con la precedente amministrazione. Siamo certi che i nostri elettori comprenderanno che si tratta di una scelta effettuata per il bene della città laddove è necessario cambiare completamente rotta e riportare ordine e vivibilità».


Rischio disimpegno

Al primo turno i Cinquestelle aveva scelto di appoggiare la candidatura di Bianca Rende. Le 1.408 preferenze conseguite dal Movimento, pari al 4,18 percento dei consensi, non sono state sufficienti ad eleggere almeno un consigliere. Alto quindi il rischio di un disimpegno dell’elettorato nel secondo turno.

Lo stimolo di Misiti

«L’apporto che il Movimento 5 Stelle potrà fornire sarà in una visione più ampia di strategie da porre in essere per garantire degli standard minimi di qualità, perché nessuno deve essere lasciato indietro» scrive Misiti stimolando la partecipazione al voto che, scrive il dirigente politico «assume un significato fondamentale, per esercitare il principio di democrazia su cui si fonda il nostro Paese».

Fronte unico contro la destra

A stretto giro è poi arrivato anche l'endorsement di Bianca Rende in favore di Franz Caruso: «Condivisa la comune preoccupazione per le vili manifestazioni antidemocratiche a cui abbiamo assistito ieri, ci siamo confrontati sui punti programmatici che dovranno essere caratteristici del prossimo quinquennio amministrativo - ha scritto la consigliera comunale uscente che al primo turno ha riscosso 4.441 voti - Abbiamo convenuto sui principi della pubblica amministrazione fondati sull'etica, sulle pratiche di democrazia partecipativa, sulla trasparenza degli atti amministrativi, sulla irrinunciabile rotazione degli incarichi e la valorizzazione del personale interno, da incrementare e sostenere nell'adeguamento professionale e di carriera».

Competenze per risolvere le criticità

«Attingendo al programma già presentato agli elettori, abbiamo rimarcato la questione del necessario coinvolgimento delle migliori competenze del territorio, e dell’Unical in particolare, per la risoluzione delle emergenze e criticità della città che riteniamo debba essere inquadrata all'interno di una configurazione policentrica, che preveda punti di prossimità dell'amministrazione nei quartieri, dello sviluppo ecosostenibile a partire dalle frazioni e contrade, della riqualificazione del patrimonio immobiliare del comune e finalmente trasparenza nella sua gestione» ha sottolineato Bianca Rende ricordando la necessitò di accentrare sul welfare  «le risorse straordinarie del PNRR, in un'ottica di rimozione delle condizioni che ostacolano l'uscita dal bisogno di larghe fasce di popolazione».

Unità di intenti

«Con il candidato Franz Caruso - ha concluso - nel reclamare una giunta di altissimo profilo, abbiamo precisato che tale vicinanza di intenti non prelude in alcun modo a ruoli di gestione o di giunta, assolutamente non in linea con il percorso fin qui intrapreso e con il quale si vuole rimanere coerenti. Per questo, in ossequio al mandato delle cosentine e dei cosentini che hanno dato il loro sostegno, il nostro potrà essere un ruolo di vigilanza istituzionale e di garanzia su una gestione rispondente ai criteri concordati e agli impegni assunti. Di certo – conclude – ci auguriamo che le nostre richieste, programmatiche e di metodo, siano condivise per votare uniti contro le destre».

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top