Battaglia (PD): ‘attuare il riordino degli enti subregionali’

Il parlamentare del Pd Demetrio Battaglia: ‘è necessario, da parte di tutti, avviare una sincera autocritica’

di Redazione
3 aprile 2015
19:32

La lottizzazione – «o la raccomandazione o, se si vuole, la segnalazione» – attraverso cui vengono assunti centinaia di giovani nelle società in house della Regione non è un problema di oggi. O non solo di oggi. L'ingerenza della politica in questi enti «è una storia che ha riguardato il centrosinistra, quando ha governato e, naturalmente, in questi ultimi anni, il centrodestra, con puntate di trasversalismo bipartisan a seconda della simpatia personale di cui godevano i singoli soggetti, anche quando non si trovavano al governo». Lo dichiara Demetrio Battaglia, parlamentare del Pd.


«Dire che nel reclutamento non ci sia stata interferenza politica – spiega il deputato in una nota – significa, perciò, operare una sottovalutazione profonda del fenomeno e negare, spesso, la verità. Per affrontare il futuro, oggi è necessario, da parte di tutti, avviare una sincera autocritica sul passato, non fermandosi solo al fenomeno dei contratti stipulati con persone più o meno meritevoli e capaci, in una terra povera come la Calabria».



«I contratti – prosegue Battaglia – sono conseguenza di progetti ideati nell'ambito della programmazione regionale più ampia. Questi progetti sono stati realmente utili per la Calabria? Francamente, credo di no, anche se hanno procurato "sollievo" a migliaia di giovani che, nell'ultimo decennio, si sono succeduti per progettare, gestire e rendicontare i programmi attivati dalla Regione con le varie società».

 

L'attuale governo regionale, secondo il deputato, dovrebbe affrontare la questione e «tentare di superarla realizzando, se possibile, progetti strutturali ed abbandonando le cattive pratiche fin qui imperanti. Inoltre, la giunta regionale – conclude Battaglia – dovrebbe attuare concretamente, entro pochi mesi, il riordino degli enti subregionali, previsto dalle leggi regionali 24 e 25/2013. La Calabria non può più aspettare la realizzazione di riforme così indispensabili! Razionalizzando le società in house ed implementando progetti autenticamente utili, si può ripartire con procedure di selezione che impediscano a tutti di continuare l'opera lottizzatrice, consentendo ai giovani calabresi meritevoli, di lavorare prescindendo dal voto che hanno accordato o che accorderanno».

COMMENTI
GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top