Calabria zona rossa, Giannetta (Fi): «A casa i commissari della sanità. Hanno fallito»

Il consigliere regionale forzista: «Dopo tredici anni di commissariamento, ci dite che il nostro sistema sanitario è allo stremo? Ma che bella scoperta»

265
di Redazione
5 novembre 2020
12:13
Il consigliere regionale Domenico Giannetta
Il consigliere regionale Domenico Giannetta

«A casa devono andare Arcuri, il commissario ad acta, i commissari delle Asp, non i calabresi». Lo afferma il consigliere regionale di Forza Italia, Domenico Giannetta intervenendo sulla decisione del Governo di includere la Calabria tra le Regioni in ‘zona rossa’.

«Se le cose stanno come c’è scritto nel Dpcm – afferma Giannetta - sempre se, allora dimettetevi voi, che siete autori e registi di un piano di emergenza scritto male e gestito peggio. Perché siete voi che amministrate la nostra sanità con i vostri uomini. Siete voi che avete preteso, con fare quasi dittatoriale, di accentrare la gestione del piano di emergenza. E adesso? Che fate? Ci dite che non ha funzionato?. Lo sapevamo già che non avrebbe funzionato – aggiunge il consigliere regionale di Forza Italia - Dare i ventilatori agli ospedali è come dare le sedie con le rotelle nelle scuole o dare soldi per i monopattini in piena crisi. Avete annaspato. Avete fatto le cose all’ultimo momento. E poi le avete condivise con le regioni per dire così è se vi pare. Avete fallito voi se oggi siamo impreparati. Noi abbiamo commesso l’errore storico di avervi assecondato. Credendo nella promessa di lealtà e collaborazione. Invece ci avete abbandonato. A noi, insieme alle altre tre regioni di centrodestra. Le altre, sono messe peggio, ma sono di centrosinistra e i numeri li usate per fare politica».


 

E ancora: «Quello che la gente non sa – sottolinea Domenico Giannetta - è che i fondi dati alla Regione per il piano di emergenza non sono 80 milioni, ma poco più di 40. Quello che la gente non sa è che questi fondi devono essere spesi dalle Aziende ospedaliere e dalle Asp. E le Asp sono gestite dal governo, attraverso i propri uomini. Perché il ministro della salute, il responsabile del piano di emergenza Arcuri e il premier Conte - si chiede Giannetta - che hanno certificato il fallimento del piano di emergenza non ne chiedono le dimissioni invece di chiudere a casa i calabresi? Quello che la gente anche non sà - sottolinea - è che gli altri milioni Arcuri non li ha neanche voluti dare alla Regione e li ha dati direttamente ed alle Aziende Ospedaliere alle Asp per la gestione degli appalti di forniture, dopo avere indetto la gara che si è conclusa a ottobre. E ci parla di programmazione. E di essere impreparati alla seconda ondata. I dati del Dpcm sono di dieci giorni fa».

 

Il consigliere regionale passa poi all’analisi della politica locale: «Anche la politica regionale deve fare un ‘mea culpa’ – ammette il consigliere regionale azzurro - Se oggi siamo qui a leccarci le ferite, abbiamo le nostre responsabilità. Non nascondiamoci dietro il dito. Ma voi, dopo tredici anni di commissariamento, ci dite che il nostro sistema sanitario è allo stremo? Ma che bella scoperta. E lo certificate in un Dpcm quasi incostituzionale? Siete entrati a gamba tesa in un sistema sanitario malato e non lo avete neanche curato, non dico guarito. Oggi chiudete a casa i calabresi. Che già vivono da sempre la paura di un sistema sanitario che non funziona, nonostante medici straordinari. Dobbiamo rendere onore ai nostri medici - evidenzia Domenico Giannetta - che nonostante le ataviche difficoltà, anche in questa occasione, stanno dimostrando di essere altissimo livello. I trattamenti eseguiti al Gom per esempio, stanno funzionando sui pazienti Covid, che reagiscono molto bene alle terapie. Andate a casa, poi – conclude Giannetta - ci dimettiamo tutti».

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio