Chiusura della Calabria, Guccione plaude a Santelli e critica chi fa polemiche

Il rappresentate Pd chiede la convocazione del consiglio regionale per discutere dell'emergenza Covid-19 e chiede alla governatrice di riferire sul numero effettivo di posti letto nei reparti più sensibili

269
di Redazione
23 marzo 2020
09:55

«È da apprezzare l’ordinanza del presidente della Giunta regionale, Jole Santelli, emanata il 22 marzo e che impedisce ogni spostamento delle persone in entrata e in uscita dal territorio regionale, salvo che per comprovate esigenze lavorative e gravi motivi di salute. Non sono comprensibili le polemiche scatenate da questa ordinanza che va nello spirito di salvaguardare la salute di chi vuole rientrare e di chi già risiede in Calabria».

 

Lo dichiara il consigliere regionale del Partito democratico Carlo Guccione, commentando l'ordinanza di chiusura della nostra regione voluta dalla governatrice Jole Santelli.

 

«Qualche settimana fa si è già assistito a un fenomeno disordinato, confuso di rientri di persone dal Nord Italia verso il Sud - continua Guccione - che sta creando non pochi problemi al fine del contenimento del contagio. Ci auguriamo che ci sia un effettivo rigore e controllo nel far rispettare tali provvedimenti. La Lega che ha espresso critiche e non ha condiviso tale ordinanza rischia di apparire, forse in modo non voluto, a sostegno solo di alcune regioni del Nord. Ma oggi non è il tempo delle polemiche, abbiamo bisogno di scelte condivise. Gli organi istituzionali della Regione devono essere messi nelle condizioni di poter operare».

 

«Una Giunta, dopo 50 giorni, è stata varata. Anche il Consiglio regionale non solo deve eleggere i propri organismi, presidente del Consiglio, ufficio di presidenza e commissioni, ma va calendarizzata già da oggi la sessione per l’approvazione del Bilancio visto che a dicembre dello scorso anno non è stato approvato e si sta operando con un Bilancio per dodicesimi, ed è la prima condizione necessaria per poter ancora di più affrontare questo stato di emergenza sanitaria ed economica con tutte le risorse che la Regione dispone».

 

«Così anche per quanto riguarda la rimodulazione dei fondi comunitari - continua il consigliere regionale del Pd - che si rende necessaria considerando che è profondamente cambiato lo scenario e il contesto economico. La nuova riprogrammazione deve servire a spostare e a utilizzare le risorse europee disponibili per affrontare e sostenere l’economia calabrese, in particolare nei settori turistici, industriali e agroalimentari. Ci auguriamo che, nella prima seduta del Consiglio regionale di mercoledì, oltre ad eleggere gli organismi statutari, la presidente Santelli attraverso una informativa illustri in maniera dettagliata lo stato dell’arte di tutto ciò che è stato realmente attuato per fronteggiare l’emergenza Covid-19».

 

Deve informarci su quanti posti letto in più ad oggi sono realmente attivi, quanti sono quelli destinati ai Reparti di Malattie Infettive, di Pneumologia e quanti posti sono invece pronti per la Terapia intensiva - conclude Guccione - Così come è necessario sapere ruoli e funzioni di ciascun ospedale Hub e Spoke della regione. Vanno esposte misure sanitarie chiare e condivise che tengano conto dei requisiti organizzativi, tecnologici e strutturali per le strutture pubbliche e private in materia sanitaria, in base alla normativa vigente». 

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio