Cinquefrondi, finisce l’amministrazione Conia: il sindaco si dimette

Il primo cittadino annuncia la decisione con un post su facebook: «Venuta meno la possibilità di continuare a realizzare il nostro programma ambizioso. Non un atto di vigliaccheria ma di coraggio»

di Redazione
15 marzo 2018
21:39
Michele Conia
Michele Conia

Fine all’amministrazione targata Michele Conia a Cinquefrondi. Il sindaco avrebbe infatti protocollato le sue dimissioni dalla carica di primo cittadino questa mattina. È lui stesso ad annunciarlo con un post su facebook: «In questi due anni e mezzo ho dato la mia professione, la mia salute, la mia famiglia e la mia vita a questa attività con lo scopo di fare rinascere la mia amata cittadina, tanti risultati sono stati raggiunti, ma negli ultimi mesi ho visto venire meno la possibilità politico, tecnica e amministrativa di continuare a realizzare il programma ambizioso e coraggioso di "Rinascita" per i quali tantissimi cittadini mi avevano dato fiducia».

 


Continua ancora Michele Conia spiegando le ragioni della sua dipartita: «Non interessandomi il ruolo di sindaco per semplicemente avere una poltrona o per una indennità, ma come strumento di cambiamento reale dello stato di cose ho dovuto prendere questa decisione molto sofferta. Lotto da quando avevo 16 anni per la mia cittadina e per il mio territorio, ma ho bisogno di farlo senza sentirmi ostaggio e principalmente di sentire la "gioia" di farlo e sentire anche quella di chi mi sta vicino.

Il progetto di Rinascita - continua il sindaco - della mia comunità per me resta prioritario rispetto ai ruoli o alle cariche. Chiedo umilmente scusa se in questi due anni e mezzo ho fatto degli errori oppure ho deluso qualche cittadino, ma, credetemi, ci ho messo davvero tutto quello che avevo spesso anche soffrendo in grande solitudine o prendendomi colpe e responsabilità non mie, sentendo il dovere di dimostrare all'esterno invece forza e coraggio. Il popolo di Cinquefrondi è e resta straordinario e io resterò sempre un suo figlio. "Rinascita" e tante donne e uomini dovranno continuare a trovare la forza ed il coraggio di sfidare le nomenclature, i poteri forti, gli apparati ed i vecchi giochi politici, quelli che mi hanno visto fin dall'inizio come un sindaco scomodo. Non è un atto di vigliaccheria, ma di coraggio il mio, perché continuerò con tutte le mie forze a combattere contro questi "sistemi", lo devo alla mia coscienza, a tanti di voi ed a mia figlia. Infine consentitemi di ringraziare chi mi è sempre stato vicino, chi ha sofferto con me e chi, come me, ha creduto e crede che Cinquefrondi debba rinascere».

 

Michele Conia ha infine dato appuntamento ai suoi concittadini per domenica 18 marzo alle 18 nella sala del consiglio comunale per offrire i dettagli della sua decisione.

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top