Parla Muratore: «Comune di Vibo a rischio, ecco perché mi sono dimesso»

VIDEO | Parla l'esponente di Forza Italia che ha lasciato il civico consesso dopo aver chiesto una reazione diversa alla maggioranza a seguito dell'inchiesta Rinascita Scott

21
di Agostino Pantano
31 dicembre 2019
16:36

Le ragioni delle dimissioni da presidente del consiglio comunale di Vibo Valentia sono conseguenza del monito lanciato dal procuratore Nicola Gratteri. È lo stesso Giuseppe Muratore a spiegarlo nell’intervista che segue il suo forfait e la nota stampa del resto della maggioranza di centrodestra che, senza nominare l’ex alleato, conferma la volontà di andare avanti con il “coraggio dei giusti”. Secondo Muratore «il municipio di Vibo è infiltrato, così come ci ha detto il giudice Gratteri, e io non ho più la serenità per continuare».  

L’ex presidente, un medico prestato alla politica, vicino alle posizioni del senatore forzista Giuseppe Mangialavori, ha detto di essersi confrontato proprio con il parlamentare e con il sindaco Limardo prima di prendere una decisione che propizia il primo vero terremoto politico dopo l’operazione Rinascita-Scott che ha portato agli arresti fra gli altri del consigliere comunale di opposizione, Alfredo Lo Bianco, e del comandante dei vigili Filippo Nesci.

Assolutamente non coinvolto nel mare magnum della madre di tutti i blitz antimafia, ha lanciato il sasso nello stagno e spiega di aver chiesto una reazione pubblica diversa dopo gli arresti e il sostegno a chi gli arresti li ha fatti, una sorta di appello bipartisan alla politica rimasto evidentemente inascoltato. Muratore dice esplicitamente che a suo parere sarebbe stato meglio «dimmettersi e ricandidarsi». 

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio