Dl liquidità, Molinaro: «Alle imprese calabresi solo lo 0,26% su 15 miliardi»

Regione agli ultimi posti per domande positive. Il consigliere della Lega attribuisce responsabilità al sistema bancario: «Scoraggia le aziende, così si favorisce l'usura»

8
di Redazione
23 maggio 2020
19:24
Pietro Molinaro
Pietro Molinaro

«Le garanzie al 100% dello Stato per il credito alle imprese, colpite dalla chiusura totale nell'emergenza Covid-19, lasciano la Calabria agli ultimi posti sia per numero di domande positive che per importi erogati. Più di qualche responsabilità è del sistema bancario che opera sul territorio che quantomeno scoraggia le imprese».

Lo afferma in una nota il consigliere regionale Pietro Molinaro (Lega Calabria).


 

«I numeri – prosegue – parlano chiaro: le domande arrivate, al 21 maggio, al Fondo di garanzia dal giorno di avvio dei provvedimenti, che dovevano potenziare e ampliare l'azione di garanzia dello Stato sono state un totale 357.690 di cui solo 8.631 calabresi (8264 fino a 25mila euro) per un importo di 397.851.251,84 euro, un insignificante 0,26% dei circa 15 miliardi garantiti. Questi sono i numeri inaccettabili a sostegno della liquidità delle imprese che allarga la forbice tra la Calabria e le altre Regioni. A questo si devono aggiungere modi e tempi su come le provvidenze “atterrano”».

 

«Uno dei rischi più gravi – continua – è il “disoccuvirus” oggi poco diffuso solo per la medicina degli ammortizzatori sociali. Non basta più gridare allo scandalo ma serve più trasparenza da parte della Banca d'Italia o comunque dei soggetti deputati per sapere il numero delle domande ancora in lavorazione e/o rifiutate e le motivazioni. È necessario che la task force, costituita per promuovere l'attuazione delle misure a sostegno della liquidità predisponga controlli negli sportelli delle banche senza aspettare che si muova da sola la magistratura. Ignorare quello che avviene in Calabria sul credito alle imprese, in questo delicato momento, significa inevitabilmente favorire l'usura e la criminalità organizzata, consegnando forse definitivamente la “Ripartenza” dell'economia e del lavoro all'illegalità e desertificazione produttiva».

 

«Il Governo – conclude – abbia il coraggio di intervenire e i calabresi non rinuncino a segnalare i ritardi e i dinieghi ingiustificati denunciando le responsabilità».

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio