Elezioni 2022, Fratelli d’Italia primo partito: Meloni verso la vittoria e centrodestra maggioranza alla Camera e al Senato - LIVE

Fdi primo partito al 24.6%. Pd 19.4%, M5s 16.5%, Lega 8,5%, Fi 8%, Terzo polo 7.3%. Risultati e aggiornamenti in tempo reale

197
di Redazione
25 settembre 2022
23:00
Giorgia Meloni
Giorgia Meloni

La coalizione di centrodestra stravince e Giorgia Meloni fa volare Fdi, che infatti è nettamente il primo partito italiano, seguito dal Pd che non sfonda il tetto cercato del 20% e dall'exploit del Movimento Cinque stelle che rimane il terzo partito italiano. Crolla invece la Lega tallonata da Forza Italia. Queste i primi risultati che danno il centrodestra avanti sia alla Camera che al Senato con la stessa forchetta intorno al 43%.

1.58 - Orban dall'Ungheria si congratula con Meloni: «Comune visione per le sfide Ue»

«In questi tempi difficili, abbiamo più che mai bisogno di amici che condividano una visione e un approccio comuni alle sfide dell'Europa». Così su Twitter Balazs Orban, direttore politico del premier ungherese Viktor Orban e membro del Parlamento ungherese, che rivolge i suoi "complimenti" a Giorgia Meloni, Silvio Berlusconi e Matteo Salvini per il risultato nelle elezioni italiane.


01.30 - M5s primo partito in Calabria

Per avere il dato definitivo di chi ha vinto le elezioni Politiche 2022 bisognerà aspettare notte fonda. Intanto iniziano ad arrivare i primi dati dalle sezioni scrutinate dai emerge l'exploit del Movimento 5 stelle. 

Le proiezioni

Ecco le prime proiezioni alla Camera: Fdi 24.6%; Pd 19.4%; M5s 16.5%; Lega 8.5%; Fi 8%; Azione-Iv 7.3%; Verdi-Sinistra 3.5%; +Europa 2.9%; Italexit 2%; Unione popolare 1.4%; Noi moderati 1.1%; Altri 4.8%.

Ecco le prime proiezioni al Senato: Fdi 24.7%; Pd 19%; M5s 16.7%; Lega 8.7%; Fi 8%; Azione-Iv 7.3%; Verdi-Sinistra 3.5%; +Europa 2.9%; Italexit 1.9%; Unione popolare 1.5%; Noi moderati 1.1%; Altri 4.8%.

00.45 - Il Front National di Le Pen esulta, «l’Italia dà una lezione all’Ue»

Anche Marine Le Pen ha fatto arrivare le sue congratulazioni a Giorgia Meloni: «Gli italiani hanno dato una lezione di umiltà all’Unione Europea che, per voce della signora Von Der Leyen, ha preteso di imporre il voto. Nessuna minaccia di alcun tipo può fermare la democrazia: i popoli europei alzano la testa e prendono in mano il loro destino!». Lo scrive in un tweet Jordan Bardella, eurodeputato del Ressemblement National e candidato alla presidenza del partito di Marine Le Pen.

00.40 - La destra spagnola di Vox esulta, «Meloni indica la strada per un’Europa libera»

Tra i tanti tweet di congratulazioni verso Giorgia Milioni c'è anche quello di Vox, il partito di ultradestra spagnolo. «Stanotte milioni di europei ripongono le loro speranze sull’Italia. Giorgia Meloni ha indicato la strada per un’Europa orgogliosa, libera e di nazioni sovrane, capaci di cooperare per la sicurezza e la prosperità di tutti»: lo scrive su Twitter Santiago Abascal, leader del partito spagnolo Vox.

Ore 00.30 - Cnn: «Meloni sarà la premier più a destra dai tempi di Mussolini»

Ore 00.20- Rapani: «Affluenza dato su cui lavorare»

Il candidato Ernesto Rapani, sempre sui dati della partecipazione degli elettori: «Sarà compito mio far riacquistare fiducia. I dati sulla affluenza sono numeri sui quali bisogna lavorare».

Ore 00.10- Falcomatà: «Scarsa affluenza, dato su cui riflettere»

Un commento sulla scarsa affluenza alle urne è giunto da Giuseppe Falcomatà, esponente Pd: «Il dato è preoccupante. Con il Partito democratico abbiamo realizzato iniziative nei Comuni della provincia e nei quartieri. Bisognerà riflettere sulla scarsa partecipazione al voto».

Ore 00.05 - Orsomarso: «Siamo fiduciosi»

«Siamo fiduciosi, Fratelli d'italia ha candidato una classe dirigente importante». È quanto ha dichiarato l'assessore regionale ai nostri microfoni. «Speriamo che sia femmina? Era un hastag da silenzio elettorale», ha continuato Orsomarso che poi ha risposto a una domanda dallo studio sull'astensionimo: «Vince chi partecipa il problema è che si è creata una suggestione. in tutto il mondo si sta verificando questo. ha inciso anche la camapgna elettorale breve. Meno partiti strutturati ci sono e più l'astenzionismo aumento».

Ore 00:00 - Affluenza in Calabria: votano solo 2 su 10 a San Luca, quasi il 70% a Lappano

Arrivano i dati sull'affluenza in Calabria suddivisi per comuni. Media particolarmente bassa in Calabria, che sta ben sotto il dato nazionale fermandosi poco sopra il 50%. Record dell'astensione a San Luca, dove vota solo il 21.46%, seguito da Platì con il 31.30% e Africo con il 32%.
L'affluenza più alta della Calabria registrata a Lappano, poco sotto il 70%, precisamente al 69.53%.

Ore 23.53- Mattiani: «In Calabria grande squadra»

Giuseppe Mattiani, consigliere regionale azzurro, ospite dello speciale elezioni su LaC ha commentato: «C'è un clima di fiducia. In Calabria è stata creata una grande squadra, abbiamo in provincia un candidato di spessore, Cannizzaro. Quindi profilo basso ma ci attendiamo buoni risultati».

Ore 23:01 - I primi exit poll

Ecco i primi exit poll: Fdi primo partito in Italia al 22-26%. Pd 17-21%, M5s 13,5-17,5%, Lega 8,5-12,5, Terzo polo 6,5-8,5. Forza Italia 6-8%.

Oltre 51 milioni e mezzo gli italiani chiamati alle urne, per quasi tre milioni di loro è stato il debutto alle elezioni politiche. I 18enni sono stati cchiamati al voto per la prima volta anche per il rinnovo dei componenti del Senato della Repubblica. 

Elezioni politiche 2022, la diretta su LaC

L'affluenza crolla al Sud

Cala ovunque l'affluenza alle urne per le elezioni politiche alle ore 19, con i dati ancora parziali. Secondo una suddivisione per area geografica - stilata attraverso l'analisi di YouTrend - al Nord Ovest è del 56,1%(-6,4% rispetto a quella del 2018), nel Nord Est del 56,1%(-7,3%), nelle cosiddette 'zone rosse' (Emilia Romagna, Toscana, Marche, Umbria) del 57,6% (-6,5%), al resto del Centro-Sud(Lazio, Abruzzo, Molise) del 51,4% (-5,9%) e a Sud con le Isole del 40,0% (-12,1%). 

Rispetto al 2018 le regioni che registrano il minor calo dell'affluenza sono Lazio (-1,2%), Lombardia (-4,5%), Sicilia (-5,6%), Friuli-Venezia Giulia (-6,2%), Toscana (-6,3%). I cali più importanti dell'affluenza rispetto a quattro anni fa si registrano invece in Campania (-15,1%), Molise (-13,9%), Calabria (-13,0%), Sardegna (-12,6%), Basilicata (-12,1%).

L'affluenza alle 19 in Calabria

Alle ore 19 in Calabria l'affluenza è al 36,92%. Nelle precedenti elezioni era al 49,67%. A Catanzaro è al 38,33%, a Cosenza 38,67%, a Crotone al 34,22%, a Reggio Calabria al 34,74% e a Vibo Valentia al 36,01%.

L'affluenza alle 19: il dato nazionale

Alle elezioni per il rinnovo della Camera alle ore 19 ha votato il 51,16% degli aventi diritto. Lo si rileva dal sito del ministero dell'Interno. Nella precedente tornata elettorale del 2018 alla stessa ora si era recato alle urne il 59,25% degli elettori per la Camera.

Elezioni, il voto in Calabria

Gli aventi diritto in Calabria sono 1.897.836 (929.614 uomini e 968.222 donne) di cui 11.381 diciottenni. I calabresi iscritti nelle liste elettorali per il voto all’estero sono invece quasi 385 mila.

Sono 75 i contrassegni ammessi dal Viminale depositati da parte dei partiti o dei gruppi politici organizzati che intendono presentare liste di candidati per l’elezione della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica prevista per il prossimo 25 settembre. Ai 70 inizialmente ammessi, se ne aggiungono altri 5 tra i 14 simboli per i quali il 16 agosto scorso erano stati richieste modifiche.

LEGGI ANCHE: Tutti i candidati in Calabria per Camera e Senato

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top