Regionali, passa la linea Callipo sulle liste pulite. Ecco chi resta fuori e chi verrà candidato

L'imprenditore del tonno impone la sua volontà al centrosinistra. Si salva Flora Sculco. Nella lista Democratici progressisti ci saranno Aieta, Mirabello e Guglielmelli

513
di Pietro Bellantoni
27 dicembre 2019
19:09
Pippo Callipo
Pippo Callipo

Passa la linea Callipo. E dunque restano fuori dalle liste del centrosinistra i consiglieri regionali uscenti Orlandino Greco e Ciccio D'Agostino, l'ex assessore Nino De Gaetano e il già parlamentare Bruno Censore.


Dopo una lunga giornata di passione, nella quale tutti i dirigenti dem hanno presidiato fin dalla mattina la sede del partito a Lamezia, la decisione definitiva è avvenuta in serata, al termine di una serie di contatti telefonici tra lo staff di Callipo, i vertici del Pd e l'area oliveriana. A confermare la notizia sono fonti regionali del partito di Zingaretti.


A salvarsi dal repulisti chiesto e ottenuto dal “re del tonno” è la sola Flora Sculco, il cui nome era inizialmente stato inserito nella lista dei possibili indesiderati.
La consigliera crotonese sarà invece candidata nella lista Democratici e progressisti, la formazione dove hanno trovato collocazione tutti gli esponenti della corrente rimasta sempre fedele al governatore.
Qui saranno schierati anche i consiglieri regionali uscenti Giuseppe Aieta e Michele Mirabello, oltre all'ex segretario provinciale del Pd di Cosenza Luigi Guglielmelli.

 

Le liste del centrosinistra alle elezioni regionali in Calabria

Le liste del centrosinistra, secondo quanto trapela, sarebbero quasi ultimate. Saranno quattro in tutto. Oltre a quelle del Pd e dei Dp, la coalizione schiererà il movimento di Callipo, “Io resto in Calabria”, e la lista “10 idee per la Calabria”, che avrà il simbolo dei Socialisti e dei Verdi.


Nel Pd troveranno posto i consigliere regionali dem di questa legislatura (Irto, Guccione, Battaglia, Bevacqua) ma anche il capogruppo de La Sinistra Giovanni Nucera, che sarebbe stato convinto a rinunciare a un piazzamento in Dp per facilitare l'entrata di altri candidati elettoralmente più deboli. Tra gli uscenti, non ha ancora deciso se scendere in campo Giuseppe Giordano, che potrebbe sciogliere la riserva nelle prossime ore. Per lui ci sarebbe un posto o nel Pd o nella lista di Callipo.

De Gaetano: «Callipo non mi rappresenta»

Sul suo profilo Facebook, De Gaetano ha espresso tutta la sua amarezza: «Non sarò candidato alle prossime elezioni regionali. Avevo dato la mia disponibilità solo nella misura in cui il candidato alla presidenza fosse stato Mario Oliverio. La scelta di Callipo, candidato civico, non mi rappresenta. Sicuramente una persona perbene (a cui faccio gli auguri più sinceri per un grande risultato), ma un imprenditore, prestato alla politica (e la nostra Regione ha bisogno di politica), che sicuramente non rappresenta le idee e la storia della sinistra; infatti molte volte ha votato a destra con sentimenti populistici che strizzano gli occhi ai grillini».
«Tutte cose – ha detto ancora l'ex assessore – che non mi rappresentano e sicuramente la sua candidatura non rappresenta il rinnovamento e men che mai l’unità della coalizione. Ovviamente il mio impegno politico continua come sempre al servizio degli ultimi e per il riscatto della Calabria».

bellantoni@lactv.it

Giornalista
COMMENTI
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio