Primarie del Pd e nuovi equilibri in seno al partito

VIDEO | Si vota per eleggere il segretario nazionale, ma sarà anche un test per capire come sono cambiati gli equilibri tra le diverse correnti in ambito regionale

48
di Salvatore Bruno
2 marzo 2019
13:48

Si vota per eleggere il segretario nazionale del Pd, ma in Calabria le primarie saranno soprattutto un test per stabilire il peso delle diverse anime del partito e ridisegnare così i rapporti di forza interni, in vista soprattutto delle prossime regionali. Non è un caso se la mozione Zingaretti può contare su due liste. Piazza Grande è il cartello messo insieme dal presidente Mario Oliverio, supportato da Sebi Romeo, nel quale spiccano tra le altre, le presenze dell’ex presidente della provincia di Catanzaro Enzo Bruno e del segretario provinciale di Cosenza Luigi Guglielmelli. In questa formazione trovano posto anche i franceschiniani di Zona Dem.

Due liste per Zingaretti

L’altra lista, Calabria con Zingaretti, è allestita dagli elementi dell’ex corrente orlandiana, guidata in Calabria da Carlo Guccione e Brunello Censore, determinati ad allargare la loro sfera di influenza nelle scelte che il partito sarà chiamato ad assumere subito dopo il passaggio congressuale. C’è poi la lista a sostegno del renziano ed ex ministro dell’agricoltura Maurizio Martina, riferimento per il presidente del consiglio regionale Nicola Irto, per l’ex segretario regionale Ernesto Magorno ma anche per Antonio Viscomi, in cui trova posto il segretario provinciale di Catanzaro Gianluca Cuda. La classe democrat più emergente ha invece trovato posto nella lista Sempre Avanti a sostegno del parlamentare Roberto Giachetti. In Calabria l’esponente di maggior rilievo è il consigliere metropolitana di Reggio Nino Castorina.

Rischio ballottaggio

Sarà proclamato segretario il candidato che otterrà il cinquanta per cento più uno delle preferenze, diversamente si andrà al ballottaggio tra i due candidati che avranno ricevuto il maggior numero di consensi. Toccherà allora all'Assemblea nazionale esprimersi. I seggi resteranno aperti domani domenica 3 marzo dalle 8 alle 20. Per votare è necessario portare con sé la tessera elettorale e un documento di riconoscimento e versare un contributo simbolico di due euro dal quale sono esonerati i tesserati del partito. Per trovare il seggio di appartenenza clicca qui

 

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio