Elezioni a Reggio Calabria, Minicuci: «Basta dibattiti da salotto. Preferisco la gente»

Il candidato del centrodestra comunica la volontà di non partecipare ai vari incontri organizzati in presenza degli altri numerosi sfidanti: «Meglio visitare quartieri e periferie»

70
di Redazione
14 settembre 2020
12:57
Reggio Calabria, Antonino Minicuci
Reggio Calabria, Antonino Minicuci

Niente più incontri con gli avversari. Lo ha deciso il candidato del centrodestra alla carica di sindaco di Reggio Calabria, Antonino Minicuci motivando così: «Ho deciso, dopo un’attenta valutazione, di non partecipare ai vari incontri organizzati in presenza dei numerosi candidati a sindaco di Reggio Calabria. È una decisione presa per rispetto di tutti i reggini. Ad ognuno di loro voglio dare il massimo ascolto e tutta l’attenzione possibile, sino al giorno che li vedrà protagonisti alle urne».

 


«Preparare e partecipare a questo tipo di incontri - spiega - richiede molto tempo, preferisco spenderlo incontrando i cittadini, visitando quartieri e periferie, a toccare con mano le numerose difficoltà che Reggio Calabria vive. Non è attraverso questi dibattiti, che rispetto cosi come rispetto tutti i candidati a sindaco e la loro decisione di parteciparvi, che si risolvono i problemi di questa città. Ai numerosi candidati propongo, in alternativa, qualcosa di più utile: incontrarci nei quartieri e nelle periferie, a discutere delle emergenze che quei luoghi devono affrontare». 


Il candidato in corsa alle amministrative ribadisce la necessità di ascoltare la cittadinanza e far conoscere il programma: «Per i confronti con i numerosi candidati - continua -  ci sarà tempo. All’attuale sindaco e prossimo consigliere di minoranza chiederò in Consiglio Comunale, con garbo, come ha fatto in sei anni a ridurre Reggio Calabria in questo stato, con un debito di 400 milioni di euro, i servizi essenziali inesistenti e un indice di gradimento personale che lo classifica al terz’ultimo posto in Italia. E a chiedere, nonostante tutto, un ‘secondo tempo’. Ai dibattiti da salotto - conclude - preferisco i reggini, guardarli in faccia, e fare capire loro come cambieremo il volto della città. Oggi triste e desolato».

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio