Regionali, de Magistris scrive ai sindaci calabresi: «Incontriamoci»

Il candidato a governatore ai primi cittadini che hanno sottoscritto il documento con cui rivendicano un proprio ruolo in vista delle elezioni. «Condivido i vostri temi e preoccupazioni, ho conosciuto la solitudine di chi ogni giorno fa i conti con i problemi del territorio»

483
di Redazione
10 febbraio 2021
10:47
Nel riquadro, Luigi de Magistris
Nel riquadro, Luigi de Magistris

Il candidato a governatore della Regione Calabria Luigi de Magistris ha inviato una nota al sindaco di Soverato Ernesto Alecci e, per il suo tramite, ai sindaci della Calabria, nella quale sottolinea di aver «letto con interesse» il documento sottoscritto da numerosi primi cittadini in vista della tornata elettorale prevista per l'11 aprile.

«Condivido appieno i temi sollevati e le preoccupazioni espresse per la drammatica situazione in cui si trova la Calabria - scrive il sindaco di Napoli -. D’altronde sin dalle prime ore in cui ho deciso di impegnarmi direttamente in un progetto di rinascita della nostra terra, ho individuato nella forza, nell’esperienza e nella credibilità dei sindaci il soggetto principale per fuoriuscire dalla crisi in cui, ormai da molti anni, versa la regione».


«Ho vissuto e vivo con grande passione – continua - l’esperienza di sindaco e come voi avverto l’importanza dei rapporti con i governi nazionale e regionale. Ho conosciuto la solitudine di chi ogni giorno deve fare i conti con piccoli e grandi problemi, aggravati di recente dalla crisi pandemica, la cui incerta e discutibile gestione da parte dei decisori sovracomunali, ha reso il nostro lavoro ancora più difficile. Perciò ritengo fondamentale invertire la rotta. Occorre eliminare la subalternità che ha caratterizzato le relazioni tra i sindaci e la Regione. Mai più i sindaci dovranno bussare alla porta del Presidente con il cappello in mano. Occorre sostenere i progetti, di cui le comunità locali sono portatrici, per la loro qualità e sostenibilità e non per la vicinanza politica, o di altra natura, al Presidente di turno».

E ancora: «I prossimi anni saranno decisivi per la nostra Regione. Dall’Unione Europea arriveranno consistenti flussi di denaro destinati alle politiche di sviluppo, che auspico destinati innanzitutto alla coesione sociale e alla lotta alle disuguaglianze. I piani europei in costruzione dovranno incontrare, però, amministratori capaci, onesti, lungimiranti e soprattutto una straordinaria concertazione tra la giunta regionale e gli amministratori locali. Da questo rapporto, che dovrà assumere il valore di un proprio patto, passa il futuro della nostra Regione».

«Per le ragioni che ho sinteticamente esposto - è la conclusione del canditato presidente -, sono molto interessato, pertanto, ad avviare un confronto, già nei prossimi giorni, nelle modalità che riterrete più opportune, con tutti i sindaci che si riconoscono nel documento».

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top