Guglielmelli: «Pd Cosenza è con Oliverio, assurdo veto di Roma»

Il segretario della federazione cosentina replica al responsabile democrat per il Mezzogiorno che oggi ha comunicato il «no formale e definitivo» del Nazareno alla candidatura del governatore 

43
2 novembre 2019
18:51
Luigi Guglielmelli
Luigi Guglielmelli

Un atteggiamento «inaccettabile» e di «inspiegabile autosufficienza e cecità politica» ma «migliaia di iscritti al Pd calabrese invocano un confronto e rifiutano diktat autoritari e scelte verticistiche da imporre ai territori». Sono le durissime parole con cui Luigi Guglielmelli, segretario provinciale Pd Cosenza, replica alla nota di Nicola Oddati, membro della segreteria nazionale, che ha bocciato la ricandidatura a governatore della Calabria di Mario Oliverio, definendola tra l'altro «una decisione formale e definitiva». 
«È grave che Oddati volutamente - afferma Guglielmelli - riduca un documento approvato, con votazione formale, dal massimo organismo di direzione politica della Federazione provinciale del Pd di Cosenza, ad una individuale presa di posizione del sottoscritto. È evidente che il suo è un tentativo non solo di minimizzare ma di soffocare ed abiurare un pronunciamento di un organismo legittimamente eletto dal congresso provinciale che esprime un netto dissenso sulla proposta della Segreteria nazionale. Mi sarei aspettato da Oddati - prosegue Guglielmelli - una richiesta di convocazione di questo organismo affinché lui o comunque altri rappresentanti della Segreteria nazionale potessero confrontarsi nel merito delle questioni sollevate nel documento.

 


Non sta scritto da nessuna parte che in un partito commissariato non sia legittimo il dibattito e la libera espressione delle posizioni politiche degli iscritti, dei circoli o degli organismi di direzione politica dei livelli organizzativi non commissariati, anzi responsabilità e buon senso consiglierebbero, in particolare in questa  fase delicata della vita del partito a livello nazionale, il massimo della partecipazione e del coinvolgimento dei territori».
«Oltretutto facendo riferimento alla riunione del 7 agosto, Oddati - prosegue - omette di riferire che la maggioranza degli intervenuti propose in quella sede la celebrazione delle primarie per selezionare il nostro candidato Presidente. È poi sconvolgente che  a pochi giorni di distanza dalla presentazione delle liste, la Segreteria nazionale del partito possa ancora brancolare nel buio nel definire la coalizione elettorale che intende promuovere il partito democratico. Tutto ciò è ancor più inaccettabile dal momento checon un atteggiamento di inspiegabile autosufficienza e cecità politica si insiste a non riconoscere l’alleanza elettorale di centrosinistra che è l’unica già in campo da tempo e che è fortemente impegnata a discutere, oltre i nominalismi, i contenuti del nuovo programma di governo. È assurdo che la Segreteria nazionale continui ad esprimersi solo con il veto su Oliverio e senza tra l’altro avanzare alcuna proposta di candidatura alternativa. Stupisce, infine, che Oddati con la dichiarazione odierna smentisca l’impegno che la delegazione della Segreteria nazionale ha assunto, pochi giorni fa, quando ha incontrato al Nazareno i rappresentanti dei circoli della Calabria che si sono recati a Roma per consegnare la petizione firmata da migliaia di iscritti al Pd calabrese che invocano confronto e partecipazione e rifiutano diktat autoritari e scelte verticistiche da imporre ai territori», chiosa Guglielmelli.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio