Regione, commissioni ancora bloccate: il Consiglio fermo da quattro mesi

Non si sblocca la situazione nel centrodestra, ancora diviso su capigruppo e presidenze. Sempre più concreta l'idea di fare arrivare il bilancio direttamente in Aula

25
di Riccardo Tripepi
8 aprile 2020
18:47

Potrebbe passare alla storia del regionalismo calabrese come uno degli avvii più lenti quello della undicesima legislatura. Complice anche l’emergenza Coronavirus ci sono voluti due mesi per avere la giunta e il consiglio regionale pienamente operativi.

La prima seduta dell’Assemblea si è svolta il 26 gennaio per l’insediamento dei consiglieri e l’elezione dell’Ufficio di presidenza con tanto di spaccatura interna nel centrodestra e lo scontro tra il nuovo presidente Mimmo Tallini e il candidato della Cdl Baldo Esposito.

 

A distanza di oltre dieci giorni da quella data non sono stati formalizzati neanche tutti i presidenti dei gruppi, né si ha notizia del destino delle commissioni consiliari.

Nel centrosinistra con il Pd che ha indicato Mimmo Bevacqua e Io resto in Calabria che ha scelto Pippo Callipo come presidenti, rimane da sciogliere il nodo dentro i Democratici e Progressisti con Giuseppe Aieta e Flora Sculco che non arretrano di un passo sulle rispettive pretese.

I dissidi del centrodestra

Ma sono i dissidi interni al centrodestra a dominare la scena. Al momento solo Fdi con Filippo Pietropaolo, la Lega con Tilde Minasi e l’Udc con Giuseppe Graziano hanno indicato i presidenti.

In Forza Italia si attendono le decisioni di Domenico Giannetta entrato in Parlamento al posto della decaduta Jole Santelli, ma si aspettano anche la lista del presidente e la Casa delle Libertà perché le loro scelte si intersecano con le presidenze di commissione. Il nodo della questione è se far rimanere fuori gli uomini di Tonino Gentile anche dalla guida di questi organismi dopo lo sgarbo in Aula con il mancato ritiro della candidatura di Esposito.

Ed è per questo che l’idea di far passare il bilancio, al quale sta lavorando la giunta in questi giorni, direttamente in Consiglio nella settimana dopo Pasqua è sempre più concreta. L’esame in Commissione verrebbe sostituito, considerata anche l’urgente necessità di sbloccare le risorse con un esame in Conferenza dei capigruppo. A fine mese scade il termine per evitare la gestione provvisoria.

Macchina legislativa bloccata

È chiaro, però, che senza le Commissioni consiliari operative può considerarsi di fatto bloccata la macchina legislativa di palazzo Campanella. Una paralisi che, a questo punto, potrebbe sforare tranquillamente il mese di aprile per un blocco che andrebbe a sfiorare i sei mesi complessivi, considerando che le ultime riunioni di commissione si inseriscono nella precedente legislatura, ai primi di dicembre del 2019.

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio