Rifiuti, D’Ippolito (M5s) attacca Santelli e Ultimo: «Riempono le tasche dei privati»

Il deputato del Movimento 5 Stelle, componente della commissione Ambiente: «Su questo tema la Regione Calabria conferma assoluta approssimazione e mancanza di fermezza»

14
di Redazione
28 luglio 2020
14:17
Il  deputato M5s Giuseppe D’Ippolito
Il deputato M5s Giuseppe D’Ippolito

«Sui rifiuti la Regione Calabria guidata da Jole Santelli sta facendo l’esatto contrario di ciò che dovrebbe, continuando a riempire le tasche di privati, puntando su un unico Ambito territoriale ottimale e dimenticando gli impianti di trattamento e il compostaggio di comunità». Lo afferma, in una nota, il deputato M5s Giuseppe D’Ippolito, della commissione Ambiente.

 

«La presidente Santelli e l’assessore Ultimo – incalza D’Ippolito - dicano che cosa e chi li spinge a balletti, a giravolte inaccettabili. Escano allo scoperto e spieghino il perché. Da mesi sto avanzando proposte concrete, purtroppo ignorate, insistendo sulla necessità di programmazione ragionata e concordata, sull’istituzione di Ato più piccoli, sulla realizzazione di composterie di comunità e di una rete di impianti di trattamento finalizzati al recupero e al riciclo dei rifiuti. Ho raccomandato, inoltre, di cambiare i vertici dirigenziali e di convocare uno specifico tavolo istituzionale e tecnico, ascoltando in primo luogo le rappresentanze dei territori. All’ultimo piano della Cittadella sono già in vacanza, probabilmente».

 

«Purtroppo – continua il parlamentare del Movimento 5 Stelle – la coppia Santelli-Ultimo non ci sente né ci vede. Questo è molto grave, tanto più alla luce del fatto che i nostri continui appelli alla ragionevolezza e al confronto sono caduti nel vuoto. Se i due vogliono prendere ordini da qualche dirigente regionale della vecchia guardia, lo dicano apertamente e la smettano di rassicurare i calabresi e di prospettare soluzioni adeguate, che puntualmente non arrivano. Sui rifiuti, la Regione Calabria conferma assoluta approssimazione, mancanza di fermezza e in primo luogo debolezza politico-amministrativa». «La misura – conclude D’Ippolito – è colma. I calabresi si aspettavano discontinuità, in particolare da Ultimo, che evidentemente si è perduto per strada».

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio