Riforma politiche sociali, la denuncia: «Stop della Regione Calabria»

I presidenti della Consulta del Terzo settore e della Consulta Autonomie locali lamentano la sospensione dell’esecuzione del regolamento nella seduta del Consiglio regionale

di Redazione
27 marzo 2020
13:52
16

«Con incredulità e preoccupazione, apprendiamo che nella prima seduta del Consiglio regionale della Calabria, dedicata secondo prassi consolidata allo svolgimento di aspetti formali e importanti, sia stato inserito e approvato un ordine del giorno che invita la Giunta regionale a “predisporre apposito provvedimento di modifica o di revoca della delibera di Giunta regionale n.503 del 2019 con la conseguente sospensione della esecutività del regolamento regionale n.22/2019».

 

Così in una nota il presidente della Consulta del Terzo settore Gianni Pensabene e il presidente della Consulta delle Autonomie locali Franco Mundo che sottolineano come «ciò pone ancora una volta uno stop all’attuazione della Legge nazionale di riforma del settore Politiche Sociali - anno 2000 - a cui la Calabria, unica regione d’Italia, a vent’anni di distanza non ha ancora dato attuazione».

«Non siamo stati interpellati come rappresentativo»

«Peraltro - precisano i presidenti - l’ordine del giorno non ha tenuto in alcuna considerazione il lungo lavoro svolto dalla Conferenza Permanente regionale sulle politiche sociali “Organismo rappresentativo delle Autonomie Locali e dei soggetti del Terzo Settore”, istituita ai sensi della L.R. 23 del 2003, che nel 2019 ha approvato all’unanimità il Regolamento Attuativo che l’ordine del giorno indica di sospendere o revocare».

 

«Siamo esterrefatti dal fatto che un organismo creato per legge - proseguono - non venga consultato né informato per una decisione di così grande importanza. Siamo preoccupati per la possibilità che una decisione con carattere di retroattività possa dare origine a contenziosi tra la Regione e le realtà del Terzo Settore, che avevano già adeguato le proprie strutture e assunto nuove unità lavorative per come previsto dal Regolamento attuativo del D.G.R. sopra richiamato».

L’appello alla Regione Calabria

«È per tale motivo che chiediamo con forza alla Presidente della Giunta Regionale e all’Assessore al ramo - incalzano Mundo e Pensabene - di avviare, anche con l’ausilio delle nuove tecnologie, una immediata interlocuzione con la Conferenza Permanente sulle Politiche Sociali, che secondo obbligo di legge è costituita dalla Consulta delle Autonomie Locali composta dai Sindaci dei comuni capofila di Ambito e dalla Consulta del Terzo Settore della Calabria».

 

«Ciò evidentemente deve avvenire prima dell’assunzione di qualsivoglia provvedimento da parte della Giunta Regionale, altrimenti si verificherebbe una chiara violazione dei principi di concertazione sanciti dalla L.328/00 e dalla L.R.23/03. Principi peraltro più volte richiamati e difesi a spada tratta dagli stessi promotori dell’ordine del giorno di ieri».

 

«Ci saremmo francamente aspettati che nel momento in cui il Paese è investito da una tragedia epocale nella quale soccombono le fasce più vulnerabili e fragili della popolazione - concludono - si fosse data precedenza assoluta a provvedimenti di salvaguardia di migliaia di anziani, disabili e altri utenti, ospitati anche nelle 404 realtà che fanno parte del Terzo Settore calabrese». 

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio