La polemica

Udc Calabria, delusione di Graziano per le nuove nomine: «Viene meno il rispetto della persona»

Il capogruppo dello scudocrociato in Consiglio regionale si dice «addolorato» per la sostituzione di Fusca al coordinamento provinciale di Vibo: «Faremo una profonda riflessione su quanto accaduto»

150
di Redazione
7 aprile 2022
11:40
Giuseppe Graziano, capogruppo Udc in Consiglio regionale
Giuseppe Graziano, capogruppo Udc in Consiglio regionale

«Apprendo dalla stampa delle nuove nomine dirigenziali che la segretaria nazionale ha inteso conferire in Calabria. Ne sono felice perché a partire da Paolo Arilotta, da ieri nuovo responsabile regionale degli Enti locali, per finire a tutti i coordinatori provinciali parliamo di persone che, a tutti i livelli, si sono spese per il partito. Mi corre l’obbligo, però, rimarcare il concetto di “persona” perché in questa fase di restyling dell’Unione di Centro calabrese, così come l’ha definita il presidente nazionale De Poli, mi è parso di capire che il valore umano abbia assunto un ruolo secondario».

Una presa d’atto amara, quella delle nuove nomine nello scudocrociato calabrese, per Giuseppe Graziano, capogruppo dell’Udc a Palazzo Campanella. Il riferimento al «rispetto per la persona» del navigato esponente di centro è indirizzato principalmente a quanto accaduto relativamente alla “sostituzione” del coordinatore di Vibo Valentia, Francesco Fusca, «avvenuta senza alcun confronto, senza alcuna comunicazione, senza minimamente considerare il lavoro essenziale che l’ex commissario provinciale vibonese ha svolto per l’Udc».


Non a caso Graziano arricchisce la sua nota con un particolare: «senza l’impegno di Fusca e del suo gruppo politico, quasi sicuramente, il nostro partito non avrebbe potuto presentare la lista nella circoscrizione centro alle scorse elezioni regionali per i noti vincoli territoriali che impone quella lista e che, diversamente senza l’impegno del coordinamento vibonese, sarebbero venuti a mancare».

Una «mancanza di rispetto nei confronti della persona», di cui Graziano non si capacita dicendosi «sinceramente addolorato» tanto da mettere «in discussione gli stessi principi e i valori che reggono il nostro partito. Non nascondo la delusione per quanto accaduto e nelle prossime ore, insieme a tutto il gruppo civico con il quale in Calabria due anni fa abbiamo intrapreso un cammino comune con l’Udc, faremo una profonda riflessione su quanto accaduto».

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top