Consiglio, la nuova commissione sui fondi Ue si farà: il centrodestra trova pace

Con il nuovo organismo una poltrona in più per dividersi le presidenze, due delle quali andranno a Fdi e Lega. Talarico ha illustrato il bilancio ai suoi e chiesto di limitare al massimo gli emendamenti. Salta l'incontro sulla manovra tra l'assessore e il centrosinistra

15
di Riccardo Tripepi
17 aprile 2020
19:36

Compatta la maggioranza sulla nuova Commissione che si occuperà dei fondi europei. La decisione di costituire l’organismo era già stata annunciata dal presidente del Consiglio Mimmo Tallini in sede di Conferenza dei capigruppo ed è stata ribadita al vertice di maggioranza che ha avuto luogo alla Cittadella. Il nuovo organismo dovrebbe garantire uno spazio in più e consentire ai partiti di trovare la quadra sulle presidenze che ancora manca a quasi tre mesi dalle elezioni. Qualche “mal di pancia” di Fratelli d’Italia e della Lega sul punto è presto rientrato anche perché lo schema delle presidenze favorirebbe proprio i partiti di Matteo Salvini e Giorgia Meloni. L’accordo che si ipotizza passando a sette il numero delle Commissioni, l’ottava “Vigilanza” andrà all’opposizione che ha già scelto Carlo Guccione come presidente, dovrebbe vedere due presidenze per la Lega, due per Fdi, una per Forza Italia, una per l’Udc e una per la Cdl che potrebbe, dunque, trovare spazio per evitare ulteriori dissidi interni.

La discussione sul bilancio

Sul punto non c’è stato bisogno di molte parole tra i rappresentanti dei partiti del centrodestra che si sono ritrovati a Catanzaro su proposta dell’assessore Francesco Talarico per un confronto sul bilancio, seppure i margini di manovra sono assai limitati. La finanziaria da 7 miliardi è per il 90% vincolata, mentre con le risorse libere ci sarà anche da fronteggiare l’emergenza Coronavirus e trovare risposte ai rilievi espressi dalla Corte dei Conti nell’ultimo giudizio di parifica. Sotto la lente dei magistrati sono finiti in particolare i residui attivi, cioè i crediti che la Regione non riesce a farsi pagare soprattutto dai Comuni.

Faccia a faccia tra Molinaro e Gallo

Spending review ha ribadito Talarico ai suoi insieme agli altri due assessori presenti Gianluca Gallo e Fausto Orsomarso. Risparmiando sui costi di funzionamento di giunta e Consiglio si punta a mettere da parte 18 milioni da destinare all’emergenza sanitaria. Un altro milione di euro, recuperato dall’avanzo di amministrazione 2019 del Consiglio, sarà destinato al Banco Alimentare. Pochissimo spazio per le proposte emendative, ma spazio per un breve faccia a faccia tra l’assessore al Welfare Gallo e il consigliere della Lega Pietro Molinaro che ha chiesto maggiore collegialità riferendosi alla decisione di inserire l’ordine del giorno sulla riforma del welfare alla prima seduta di Consiglio regionale. Molinaro si era astenuto in quell'occasione.

Giallo sul vertice con il centrosinistra

Giallo nella mattinata quando si sarebbe dovuta svolgere la riunione tra l’assessore al Bilancio e i gruppi di minoranza che invece non ha avuto luogo. Secondo la giunta il centrosinistra avrebbe deciso di non presentarsi, mentre i consiglieri di minoranza assicurano di non aver ricevuto nessun invito.

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio