Buona sanita’

Catanzaro, cuore fermo per 3 giorni dopo arresto cardiaco: 42enne salvato grazie alla tecnica Ecmo

L'uomo, inizialmente ricoverato all'Annunziata di Cosenza, è stato successivamente stabilizzato presso la Rianimazione del "Mater Domini". Oggi il trasferimento all'Ismett di Palermo per il trapianto

di Redazione
27 agosto 2021
20:03

È giunto pochi minuti fa all’ISMETT di Palermo un giovane paziente di 42 anni per essere sottoposto a trapianto di cuore. Il giovane, era inizialmente ricoverato in urgenza presso l’Ospedale Annunziata di Cosenza diretta dal Dr. Pino Pasqua, per scompenso cardiaco acuto. Prontamente intubato e stabilizzato era stato successivamente centralizzato presso la Rianimazione del Policlinico Universitario di Catanzaro, centro di riferimento regionale ECMO.

La collaborazione tra le due aziende ha consentito che il paziente potesse essere trasferito a Catanzaro per essere sottoposto a circolazione extra corporea prima che il suo cuore si fermasse completamente. Al Policlinico di Catanzaro, constatata la gravità della situazione, il paziente è stato sottoposto a ECMO in urgenza da parte dei Rianimatori dell’ECMO TEAM, Prof.ri Federico Longhini, Eugenio Garofalo, Andrea Bruni e dal Dirigente Medico Dr. Eugenio Biamonte, per vicariare le funzioni del cuore, ormai del tutto fermo. I sanitari della rianimazione, con la collaborazione dell’emodinamica diretta dal Prof. Ciro Indolfi sono riusciti a stabilizzare il paziente e tenerlo in vita in rianimazione sveglio, cosciente per tre lunghi giorni con il cuore che non batteva più.


Per il giovane paziente una sola speranza: il trapianto di cuore. Oggi il trasferimento all’Ismett di Palermo attraverso i mezzi del 118 accompagnato dalla Dott.ssa Ovidia Lavalle, dall’Infermiere Daniele Commisso e dal perfusionista Francesco Villella, dove il paziente é stato accettato per essere messo in lista trapianto. Il viaggio avvenuto in ambulanza con una durata di circa 5 ore, sebbene molto complesso in quanto è avvenuto con il paziente collegato ad ECMO e a contropulsatore aortico, è avvenuto con successo e senza complicanze. Ciò è stato possibile grazie alla coordinazione della Direzione Sanitaria di Presidio dell’Azienda Mater Domini che ha guidato le operazioni di trasferimento attraverso Suem 118.

Oggi è stata scritta una pagina di buona sanità in Regione Calabria dove, grazie alla collaborazione di diverse strutture ospedaliere e ad una tecnologia avanzata come l’ECMO Veno Arterioso, presente presso la rianimazione del Policlinico Universitario è stata data una possibilità di sopravvivenza al giovane paziente.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top