Un tuffo negli anni '80 con Flashdance che travolge il Cilea di Reggio

VIDEO-INTERVISTE | Il musical, tratto dal film-icona campione di incassi, è stato portato in riva allo Stretto nell’ambito della trentaduesima edizione di “Fatti di Musica”, il festival del live d’autore ideato e diretto da Ruggero Pegna 

49
di Angela  Panzera
9 dicembre 2018
12:23
Il musical Flashdance a Reggio Calabria
Il musical Flashdance a Reggio Calabria

“Flashdance” fa scatenare il teatro Cilea di Reggio Calabria. Non era per niente semplice riproporre uno dei film icona degli anni Ottanta, ma il cast, con una straordinaria Valeria Belleudi nel ruolo della protagonista Alex, supera la prova a voti alti.  L’evento è stato portato in riva allo Stretto nell’ambito della trentaduesima edizione di “Fatti di Musica”, il festival del live d’autore ideato e diretto da Ruggero Pegna. Ed è proprio nell’ambito di questo festival che Flashdance ha ricevuto il premio “Riccio d’Argento”, del celebre orafo crotonese Gerardo Sacco, quale migliore musical dell’anno.

 

Musiche, scenografia e costumi ripropongono fedelmente la pellicola campione di incassi nel 1983 e premio Oscar per la migliore colonna sonora. Ma questo musical, prodotto dalla “Stage Entertainment”,  la cui regia è firmata da Chiara Noschese, è andato oltre inserendo anche canzoni italiano e riuscendo a valorizzare ogni personaggio sul palco. “Flashdance” è una storia di riscatto, di un sogno, ma anche una storia d’amore che abbatte gli ostacoli e i pregiudizi. Perfetta la sinergia tra la Belleudi e Lorenzo Tognocchi , coprotagonista che interpreta Nik, il ricco datore di lavoro.  Entrambi hanno trasmesso agli spettatori la passione per la danza e la purezza dei sentimenti. Immancabili le note rock: il sound è un vero tuffo negli anni Ottanta dove musica, ballo e recitazione si incastrano perfettamente.

 

Le hit famosissime di "What a feeling", "Maniac", "Gloria", "Man Hunt", "I love Rock’n Roll", accompagnate a ritmo dal pubblico, presente numeroso ad ogni replica, sono state interpretate con una grande energia e con una grande preparazione tecnica-artistica. Nel ricco cast anche il calabrese Renato Capalbo, insieme a Elisa Lombardi (Gloria), Ilaria De Rosa (Kiki), Rossella Contu (Tess), Marco Stabile (Jimmy), Roberto Vandelli (Harry), Michael Altieri (C.C.), Altea Russo (Hannah), Lorena Crepaldi   (Louse/mrs Wilde). Ed ancora l’ensemble, con Giorgia Cino, Alessandra Gregori, Veronica Lepri, Renato Tognocchi, Giovanni Abbracciavento, Gianluca Briganti. Infine, il gruppo swing: Giorgia Arena (Female), Angelo di Figlia (Male/Dance Captain). Le coreografie sono state affidate a Marco Bebbu. Nel corpo di ballo, motivo di orgoglio per la Calabria, la catanzarese Daria Fratto.

 

La trama è stata riportata fedelmente anche se nel musical, i ruoli di alcuni protagonisti, oscurati al cinema dalla coppia dalla celebre coppia Jennifer Beals-Michael Nouri, sono stati messi in evidenza grazie alla bravura di cantanti e ballerini. Lo spettacolo si apre in fabbrica dove la diciottenne Alex Owens lavora come operaia saldatrice di giorno e come ballerina in un locale notturno ma, il suo vero sogno è quello di entrare all’accademia di danza di Pittsburgh. Si allena senza sosta, ma quando si reca alla scuola per iscriversi a un'audizione, si fa prendere dallo scoraggiamento e rinuncia. Una notte, nel locale dove si esibisce incontra Nick Hurley, suo capo in fabbrica. Inizia la storia d’amore dove però le difficoltà non sono mancate. Come non è mancato tutto il travaglio interiore di una giovane ragazza combattuta tra l’inseguire il suo sogno e lo scontrarsi con la dura realtà. Arriva il giorno della tanto attesa audizione e  anche se l'emozione le fa sbagliare il primo passo, con coraggio ricomincia e si lancia nella sua coreografia costellata da elementi di danza classica, moderna e breakdance che le permette di conseguire l'ammissione.

 

«In fondo, sono le solite scalate che facciamo tutti quando abbiamo un sogno da realizzare – ha affermato la protagonista Belleudi – Io mi sento tanto Alex perché noi ballerini ci riscontriamo spesso con questa realtà, è molto vera la storia e soprattutto molto attuale. Alex è un’icona e con la regista Chiara Noschese abbiamo cercato di riprodurre il più possibile le scene clou anche a livello emotivo andando però, più a fondo nel percorso intimo del personaggio. Quindi, secondo me, in questo Flashdance, c’è anche di più del film». Lo spettacolo ha messo in risalto anche il ruolo maschile di Nick, interpretato da Tognocchi il quale alla nostra testata ha dichiarato che «anche se il personaggio di Nick è molto diverso da me ma è stato bello affrontare questa sfida perché la diversità ci accomuna sotto l’aspetto emotivo. Nick è una persona benestante, ma è tanto sentimentale e in questo vengo fuori io così come sono nella vita reale».

«È stata un’ennesima straordinaria edizione –  ha affermato ai nostri microfoni Ruggero Pegna che ha regalato le grandi emozioni di eccezionali eventi nazionali e internazionali in tutta la Calabria. La chiusura con opere musical spettacolari come “La Divina Commedia” e “Flashdance”, entrambe premiate, anticipa un 2019 altrettanto ricco e con altri diversi bellissimi musical originali, a cominciare da Dirty Dancing il 23 gennaio al Teatro Rendano di Cosenza e il 24 gennaio al Teatro Cilea di Reggio». Ma il cartellone degli eventi targato Pegna non finisce qua. Solo per citare alcuni titoli e personaggi, sono attesi nella nostra Regione il concerto dei Thegiornalisti, il musical di Peter Pan e lo spettacolo-show di Beppe Grillo.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio