Calcio a 5, alla Casa circondariale di Paola la coppa Disciplina

La cerimonia si è svolta all’interno della struttura di Paola. Il direttore Carrà: «Vincere un premio per il rispetto delle regole è la dimostrazione che anche chi sbaglia può avere opportunità di migliorarsi»

di Redazione
5 febbraio 2020
09:45
La squadra della Casa circondariale di Paola
La squadra della Casa circondariale di Paola

«È una grande soddisfazione, sono fiducioso per il vostro futuro». Con queste parole, il direttore della Casa Circondariale di Paola, Giuseppe Carrà, ha voluto pubblicamente ringraziare i giocatori della squadra di Calcio a 5 della struttura che, alla prima partecipazione al campionato ufficiale di Serie D organizzato dal Cr Calabria, si è aggiudicata la Coppa Disciplina come squadra più corretta del girone.

 

La cerimonia ufficiale, organizzata presso il teatro della struttura carceraria della cittadina tirrenica, ha registrato anche la partecipazione del sindaco di Paola, Roberto Perrotta, della coordinatrice del progetto Lorella Galassi e del presidente del Cr Calabria Saverio Mirarchi. Presenti naturalmente tutti i calciatori della rosa vincitrice del titolo, con in testa mister Massimiliano De Luca che ha aperto gli interventi ringraziando tutti coloro che si sono prodigati per il raggiungimento di un obiettivo che va aldilà dei risultati sportivi. «Sono felice, emozionato ed orgoglioso – così mister De Luca -  e non smetterò mai di ringraziare chi mi ha dato la possibilità di vivere questa esperienza straordinaria che mi ha fatto crescere come uomo prima ancora che come tecnico, la società Costa del Lione».

 

Il direttore Carrà, il quale ha ringraziato chi lo ha preceduto, Caterina Arrotta, per aver dato vita al progetto, unico in Italia lo scorso anno e ripreso da altre realtà in questa stagione: «Sono felice che abbiate raggiunto un riconoscimento del genere, questa è la dimostrazione che il percorso che avete intrapreso può portare i suoi frutti. Vincere un premio per il rispetto delle regole è la dimostrazione che anche chi sbaglia può avere opportunità di migliorarsi e di riappropriarsi della propria vita. Organizzare già solo una partita in un carcere è difficile, figuriamoci un campionato: grazie a tutti coloro che si sono prodigati affinchè le difficoltà che inevitabilmente sono emerse venissero prontamente risolte».

 

Il sindaco di Paola, Perrotta, confermando l’importanza di un premio vinto da una squadra di una casa circondariale ha ribadito la propria vicinanza non solo attraverso il pagamento dell’iscrizione al campionato, ma anche e soprattutto con l’impegno di provvedere alla manutenzione ed al miglioramento del campo dove si svolgono le gare ufficiali. Il presidente Mirarchi ha poi sottolineato la capacità della squadra di mister De Luca di ricevere l’affetto, la stima ed il rispetto degli avversari con i quali hanno condiviso giornate di sport e amicizia.

 

«La gioia di giocare un campionato ufficiale e di vincere la Coppa Disciplina sia per voi un motivo di immensa soddisfazione. Sono felice ed onorato che i valori educativi dello sport siano stati recepiti da tutti i protagonisti di questa avventura, sia di coloro che hanno giocato sia di coloro che hanno partecipato a tutta la macchina organizzativa. Il risultato conseguito è la dimostrazione di aver raggiunto lo scopo del progetto». Presenti anche coloro che hanno supportato l’iniziativa come i responsabili della società Costa del Lione, i presidenti Pino Chianello della Xerox Dlf Paola, Franco Sganga della Farmacia Centrale Paola C5 e la dottoressa Maria Antonietta Ventura, i cui interventi hanno rafforzato il senso di comunità che ha unito non solo gli addetti ai lavori ma anche coloro che dall’esterno hanno abbracciato un progetto sociale importante per il territorio.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio