Coronavirus, Pillon saluta il Cosenza: «La mia famiglia è troppo lontana»

L'allenatore risiede nel Trevigiano, particolarmente colpito dall'epidemia: «Obbligato a scegliere di restare al fianco della mia famiglia». Risoluzione consensuale e squadra affidata a Roberto Occhiuzzi

di Salvatore Bruno
18 marzo 2020
22:42
10

Si separano le strade del Cosenza Calcio e di Bepi Pillon. Il tecnico ha chiesto ed ottenuto la risoluzione consensuale del contratto.

Preoccupato per il coronavirus

Pillon è originario del trevigiano ed in questo momento il Veneto è tra le aree più colpite dal coronavirus: «Dopo un’attenta riflessione e un confronto diretto con la società – spiega l’allenatore - abbiamo deciso di interrompere il nostro rapporto di lavoro. In questo periodo di difficoltà per l’Italia, il mio pensiero e la mia preoccupazione è rivolta alla salute mia, della mia famiglia ma anche a quella di tutti gli italiani».

Distanza ingestibile 

«Questo ovviamente ha portato a fare delle scelte, non dettate dalla mia passione per il calcio o dalla mia dedizione al lavoro, ma guidate dal buon senso e dalle problematiche che stiamo affrontando qui in Veneto. Risulterebbe, inoltre, ingestibile la distanza Treviso – Cosenza data la situazione attuale che l’Italia sta attraversando».

Allenamenti ancora sospesi

«Ringrazio la società, lo staff, i giocatori e tutte quelle persone che collaborano con il Cosenza Calcio per la disponibilità nei miei confronti. Auguro a loro e a tutti i tifosi le migliori fortune». Nel ringraziare Pillon per l’impegno, la professionalità e la dedizione profusi nel corso dell’esperienza sulla panchina rossoblù, il sodalizio silano ha affidato la squadra a Roberto Occhiuzzi. Gli allenamenti sono da tempo sospesi e dovrebbero riprendere il 23 marzo, ma non è escluso un nuovo rinvio alla luce dell’emergenza nazionale ancora in corso.

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio