La Serie D fra il pericolo Covid e l’inchiesta sulle presunte gare combinate

VIDEO | Quella di domenica sarà un’altra giornata di stop. Previsto un solo recupero mentre si attendono gli esiti degli sviluppi processuali che potrebbero sconvolgere la classifica finale

3
30 aprile 2021
13:36

L’obiettivo è quello di recuperare il maggior numero di partite che mancano, per riallineare il campionato, ma la situazione di “allarme covid” in casa del Cittanova ha impedito la disputa del recupero della gara contro il Troina. Al riguardo il Dipartimento Interregionale ha stabilito nel 12 maggio la nuova data utile per giocare finalmente questa sfida addirittura relativa al girone di andata.

Le gare

Al riguardo è previsto, nella prossima giornata (la 28ª) un anticipo, sabato 8, sul campo di Sambiase, dove il Rende affronterà il Troina. I biancorossi hanno il campo squalificato. Domenica prossima, invece, campionato comunque fermo per consentire il recupero della gara fra il Licata e l’Acireale.


L'inchiesta della Procura federale

Intanto l’inchiesta della Procura federale ha scosso il mondo della Serie D. Sotto inchiesta alcune gare della passata stagione e alcune squadre siciliane coinvolte, oltre a diversi tesserati. La più citata nelle carte della Procura federale è la società del Troina, ma saranno chiamate a difendersi anche Acireale, Marina di Ragusa e Licata, oltre alla squadra lucana del Rotonda. Tutte e cinque le società stanno partecipando all’attuale torneo di Serie D che potrebbe quindi subire un autentico scossone qualora arrivassero pesanti sanzioni. Coinvolto anche il Corigliano, sempre per fatti relativi alla passata stagione. Vedremo quali saranno le decisioni della giustizia sportiva.

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top