Crotone, 10 milioni di fondi per impianti sportivi: la piscina ex Coni sarà demolita e ricostruita

VIDEO | Il progetto è finanziato nell’ambito del bando della Presidenza del Consiglio italia City Branding che prevede interventi anche su Palamilone e piscina olimpionica comunale, nonchè la realizzazione di due palestre all’aperto

3
di Francesca Caiazzo
7 maggio 2021
11:44

Ben 622mila euro per l’immediata progettazione, poi 10 milioni di euro per l’esecuzione. Il Comune di Crotone è pronto a intervenire su alcune strutture sportive della città grazie ai finanziamenti ottenuti nell’ambito del bando della Presidenza del Consiglio “Italia City Branding”. Ieri mattina è stata siglata la convenzione con Investitalia, che permette di partire nell’immediato: sono previsti quattro mesi, a partire dalla sottoscrizione della convenzione, per andare in aggiudicazione con le proposte progettuali.

Cultura e Sport

«Con Investitalia abbiamo avuto diverse interlocuzioni e ci è stato garantito che il Governo intende già stanziare i fondi anche per l’esecuzione dei progetti, probabilmente attraverso il Cipe» ha spiegato l'assessore comunale allo Sport, Luca Bossi, nel corso di una conferenza stampa, alla quale ha partecipato anche il sindaco Vincenzo Voce.


Il primo cittadino, tra l’altro, ha ricordato che la proposta progettuale “Kroton – Rinnov@azione e Sport” era stata presentata (e aggiudicata) poche settimane dopo l’insediamento dell’amministrazione comunale, «con l’obiettivo di incrementare l’attrattività del territorio mediante la promozione congiunta di offerta culturale e sportiva». 

L’intervento sulla piscina ex Coni

Uno degli interventi più importanti riguarda la piscina ex Coni, la struttura sportiva che giace da anni abbandonata sul lungomare cittadino. «L’area verrà interamente riqualificata, procederemo con la demolizione e la ricostruzione di una nuova piscina che sia fruibile anche d’inverno e quindi sicuramente con una copertura fissa» ha aggiunto Bossi.

Si interverrà anche sulla piscina olimpionica comunale con l’obiettivo di abbatterne i costi di gestione «sia con una copertura fissa, che eliminerà le spese per mantenere il pallone pressostatico, sia con un impianto di cogenerazione metano, che la renderà autonoma dal punto di vista energetico».

Le palestre all’aperto

Previsti anche un piano di efficientamento energetico per il Palamilone e la realizzazione di due palestre all’aperto in altrettante aree verdi della città (Parco degli Oleandri e Parco Pitagora): «La pandemia ha introdotto un nuovo modo di fare sport e noi vogliamo farci trovare pronti». Infine, sarà realizzata una piattaforma web per integrare attività sportiva e turismo.

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top