Tokyo 2020, al via le Paralimpiadi: sfilerà anche la bandiera dell'Afghanistan

A rappresentare l'Italia nella spedizione più numerosa di sempre (115 atleti) nella cerimonia di apertura saranno la schermitrice Beatrice Vio e il nuotatore Federico Morlacchi

103
di Redazione
23 agosto 2021
22:56
foto Ansa
foto Ansa

Tutto pronto per il via alle Paralimpiadi di Tokyo 2020, con la cerimonia d'apertura prevista domani allo stadio Olimpico e le prime gare già in programma mercoledì.

Ci sarà anche la bandiera dell'Afghanistan a sventolare: «Un segno di solidarietà» nei confronti dei due atleti afghani Hossain Rasouli (lancio del disco) e Zakia Khudadadi (taekwondo), che non hanno potuto raggiungere il Giappone dopo la presa di potere nel Paese da parte dei talebani, come annunciato dal presidente del Comitato internazionale paralimpico, Andrew Parsons, durante il media breafing che si è tenuto a Tokyo. A portare la bandiera alla sfilata sarà un rappresentante dell'Agenzia dell'Onu per i rifugiati (Unhcr).


A rappresentare l'Italia nella spedizione più numerosa di sempre (115 atleti), saranno la schermitrice Beatrice Vio, oro e bronzo nel fioretto ai Giochi di Rio 2016, e dal nuotatore Federico Morlacchi, un oro, tre argenti e tre bronzi da Londra 2012 a oggi.

«È bellissimo, non vedo l'ora che sia domani sera - ha confessato Vio -. Sono molto emozionata perché è qualcosa di più grande di me. Meno male che c'è Federico che mi aiuterà a trovare la strada giusta perché io so già che passerò tutto il tempo a piangere».

Bebe, che a Rio ebbe l'occasione di portare la bandiera alla cerimonia di chiusura, domani da alfiere azzurro avrà la grande responsabilità di «rappresentare un Paese così bello, per me è veramente qualcosa di grande - ha aggiunto -. La nostra Nazionale di scherma è pronta, è carica, non vediamo l'ora di cominciare».

Forte anche l'emozione di Federico Morlacchi: «Quella che proveremo domani sarà un'emozione unica, perché vedere quel fuoco che arde dopo un anno complicato sarà una liberazione», ha spiegato il nuotatore, atteso prima dalle gare e poi dalla dolce attesa. «Il mio obiettivo ai Giochi è molto semplice - ha aggiunto Morlacchi -. Voglio solo divertirmi e godermela fino in fondo. Poi dal 5 settembre inizierà la missione più difficile, la missione di papà per la quale nessuno, alla fin fine, è mai allenato...».

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top