Far fronte all’emergenza

Contrasto alla diffusione dei cinghiali In Calabria, progetto pilota redatto da Federcaccia

VIDEO | Il presidente regionale dell'associazione venatoria Giuseppe Giordano illustra le linee preliminari degli interventi da attuare per limitare i danni alle colture e frenare la proliferazione degli ungulati. Il 13 luglio confronto con il Dipartimento della Regione

240
di Salvatore Bruno
12 luglio 2022
13:48

Il progetto pilota di Federcaccia, per una gestione sostenibile del cinghiale in Calabria, contenente le linee di intervento necessarie per frenare la proliferazione degli ungulati, è stato illustrato a Rende dal presidente regionale Giuseppe Giordano, nel corso di un incontro con gli associati dell'organizzazione venatoria, al quale sono intervenuti anche i locali rappresentanti degli agricoltori.

Proliferazione incontrollata

L'abbattimento selettivo dell'ultimo anno stimato in migliaia di capi in tutta la regione, non è stato sufficiente per frenare la diffusione di questi animali colpevoli di cagionare ingenti danni alle colture e di impaurire i cittadini con le loro incursioni nelle periferie urbane. Tra le cause di questa diffusione incontrollata vi è un aumento delle cucciolate rispetto al passato ed anche la posizione privilegiata nella catena alimentare in cui il cinghiale si colloca come onnivoro, impattando in qualità di predatore sulla riproduzione dei volatili selvatici e dei trampolieri, senza avere particolari antagonisti, se non il lupo la cui presenza territoriale è tuttavia decisamente più scarna.


Subito applicabile

Il progetto pilota «è immediatamente applicabile» ha sottolineato Giuseppe Giordano, che è anche vicepresidente nazionale di Federcaccia e che ha curato la stesura del piano insieme a Giorgia Romeo, Daniel Tramontata e Valter Trocchi, dell'ufficio studi e ricerche faunistiche e agro ambientali della stessa Fidc. «Lo offriamo come contributo alle istituzioni - ha aggiunto - al quale lo presenteremo ufficialmente il 13 luglio nel corso di un incontro già fissato al Dipartimento regionale competente. Partirà poi un confronto anche con le altre associazioni venatorie».

Meno danni, più sorveglianza

«Il nostro obiettivo - ha detto ancora Giuseppe Giordano - è mitigare i danni al comparto agricolo, che è un settore trainante dell'economia regionale, ma anche promuovere una sorveglianza sanitaria ed un più puntuale monitoraggio della specie, anche con l'ausilio di strumenti informatici. La figura del cacciatore è posta al centro delle attività. Riteniamo che i cacciatori siano fondamentali nella gestione faunistica calabrese. Il mondo venatorio - ha concluso Giordano - si è assunto una responsabilità: invece di attuare un'azione rivendicativa si è posto come propositivo nell'ottica di giungere ad una soluzione della problematica».

Ampia partecipazione

All'assemblea sono intervenuti tra gli altri, il presidente di Federcaccia Cosenza Francesco Antonio Greco, i presidenti degli ambiti territoriali di caccia della provincia bruzia. E poi Luca Pignataro per la Confederazione Italiana Agricoltori e Paola Granata di Confagricoltura. «Non possiamo più rischiare che il frutto del nostro duro lavoro vada in pasto ai cinghiali - ha detto tra l'altro Pignataro - Siamo oppressi dal caro gasolio, dall'aumento dei costi del fertilizzante, dalla carenza di manodopera e ora anche dalle incursioni degli animali selvatici». Paola Granata ha poi riflettuto sulle iniziative da mettere in atto per trasformare la presenza ingombrante dei cinghiali in una opportunità, allestendo una filiera controllata, in collaborazione con gli stessi cacciatori, di macellazione e commercializzazione delle carni sempre più apprezzate dai consumatori.

Giornalista
GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top