Cosenza, lo spettacolo degli animali selvatici rimessi in libertà

Le cure del Cras hanno permesso a due fenicotteri, due poiane e un gheppio di spiccare nuovamente il volo. Torna in natura anche uno scoiattolo meridionale

di G. D.A.
19 settembre 2017
12:09
Cosenza, animali rimessi in libertà
Cosenza, animali rimessi in libertà

Uno spettacolo unico quello andato in scena all'interno della Riserva naturale regionale lago di Tarsia e foce del Crati, con la rimessa in libertà di due esemplari di fenicotteri. I giovani volatili, recuperati uno a Fuscaldo e l'altro a Sibari, sono stati curati con grande professionalità dagli operatori del Centro di recupero animali selvatici di Rende.


Stressati, bisognosi di essere rifocillati, dopo circa 20 giorni, hanno ripreso il volo sotto gli occhi dei rappresentanti della Polizia provinciale, del direttore dell’Ente gestore delle Riserve, Agostino Brusco e del personale del Servizio conservazione delle Riserve, del dirigente del settore “Parchi e Aree Naturali Protette” del dipartimento “Ambiente e Territorio” della Regione Calabria, Giovanni Aramini. Tanti i curiosi che non hanno voluto perdere l’appuntamento.

 

Quindi, la campagna #Crasliberatutti è proseguita nel Parco nazionale della Sila dove sono stati rimessi in natura due poiane, un gheppio e uno scoiattolo meridionale. Anche in questo contesto, non sono mancate all’appello le istituzioni che collaborano con il Cras: gli agenti della Polizia provinciale del distaccamento di San Giovanni in Fiore, Gianluca Congi ed Emanuele Scalzo; rappresentanti dell' Ufficio territoriale Carabinieri per la Biodiversità di Cosenza, Domenico Gallipoli, Angelo Pellegrino, Clemente Pane, Angelo Gabriele ed Angelo Terranova e il collaboratore dell’Ente Parco nazionale della Sila, Andrea Ziccarelli. G.d’a.

 

 

 

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio