La vita oltre il dolore: al Cara di Crotone diciassette nascite nel 2106

La Nigeria è la nazionalità di origine più rappresentata con ben otto bambini. Sei invece sono gli eritrei mentre i restanti tre sono un somalo, un pakistano ed un gambiano

16 febbraio 2017
15:37
(foto Ansa)
(foto Ansa)

Nel 2016 sono state complessivamente diciassette le nascite registrate nel Cara di Sant'Anna, dove è operativa una equipe dedita all'assistenza degli infanti. Fra i neonati dell'anno passato, la Nigeria è la nazionalità di origine più rappresentata con ben otto bambini. Sei, invece, sono eritrei, mentre i restanti tre sono un somalo, un pakistano ed un gambiano. Prevalgono i maschi (undici) rispetto alle femminucce (sei). Il nuovo anno, poi, ha già fatto registrare un'ulteriore nascita lo scorso 11 gennaio, quando a Crotone è stato dato alla luce un bimbo nigeriano.

 

«Al Cara Sant'Anna - è detto in un comunicato della Misericordia - i neonati possono beneficiare di screening pediatrici programmati, vaccinazioni periodiche, programma alimentare appropriato e tutta una serie di servizi. Dopo il parto, le mamme sono costantemente supportate dallo staff sanitario, dai mediatori culturali e dall'equipe psico-sociale, pronti a dispensare consigli in base alle varie circostanze»

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio