Il Borsino

Chi sale e chi scende: il vincitore di Amici e la chef stellata su, caduta di stile per Abramo

Le oscillazioni di popolarità di politici, vip e personaggi più in vista della Calabria. Ecco il borsino della settimana

18
di Redazione
21 maggio 2022
08:50

Luigi Strangis
 
Cantante
Vent’anni, lametino, polistrumentista: da orgoglio calabrese a orgoglio nazionale, dopo la vittoria riportata al talent della De Filippi. «Grazie alla mia famiglia, se sono arrivato qua è merito loro», ha dichiarato incredulo ed emozionato con la coppa di Amici in mano. Grazie te lo diciamo noi Luigi. È un grande risultato per la Calabria passare dagli “amici degli amici” agli Amici di Maria.
Maria Antonietta Rositani
 
Vittima di violenza
Hanno dato 18 anni e 18 mesi all’ex marito che tre anni fa le ha dato fuoco. «Per me non è una vittoria, non arrivate fin dove sono arrivata io. Denunciate prima», ha dichiarato Maria Antonietta dopo la sentenza. Quel “denunciate prima” suona come una campana per tutti quelli che, in Calabria, si voltano sempre dall’altra parte, anche quando fanno finta di applaudire.
Caterina Ceraudo
 
Chef
La cuoca stellata del Dattilo di Strongoli è stata inserita dalla rivista Forbes nella lista dei 4 migliori chef italiani più dediti al rispetto della natura. Con la sua cucina etica e sostenibile si aggiunge ai tanti giovani calabresi elevati al rango di eccellenze nazionali grazie alla loro attenzione all’ambiente, anche se l’ambiente (calabrese) spesso se ne frega altamente di loro.
Giuseppe Profiti
 
Super consulente per la sanità
Viene a fare il super consulente per la sanità in Calabria ma si tiene stretta la super poltrona in Liguria. Bello vivere con due piedi in quattro scarpe. Domanda: se la sanità calabrese ha un debito monstre di padre ignoto (uno, due miliardi?), perché ora i nostri gridano hurrà? Che significa che nel 2021 è andata bene (attivo da 145 milioni)? E gli altri debiti chi ce li paga, Toti?
Sergio Abramo
 
Sindaco di Catanzaro
Quando si esce di scena ci vuole stile. Ma il quasi ex sindaco di Catanzaro non ci pensa: «Da noi i tre quarti dei consiglieri nemmeno sono in grado di intervenire in Aula, non sapendo parlare l’italiano». E se ne accorge solo ora? Se i consiglieri avessero saputo pronunciare qualche parola di italiano in più magari gli avrebbero spiegato che a volte è meglio evitare di dire cazzate.
Francesco Boccia
 
Responsabile Pd Enti locali
L’ex ministro Pd, marito dell'ex forzista Nunzia De Girolamo, dopo aver baciato e abbracciato i Fratelli d’Italia Wanda Ferro e Michele Traversa in quel di Catanzaro, ha attaccato il candidato sindaco Donato: «Credo che in politica, come ancor di più nella vita, o si sta di qua o di là. Mi spiace invece constatare come lui stia tentando di stare ovunque». E se lo dice Boccia.

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top