Mendicino, il murales disegnato da giovani migranti simbolo di accoglienza e integrazione

L'opera è stata realizzata da minori non accompagnati nell'ambito di un progetto del ministero dell'Interno condotto dalle associazioni PartecipAzione e Porta Cenere  

di Salvatore Bruno
21 giugno 2021
13:20
Il murales realizzato all’ingresso di Mendicino
Il murales realizzato all’ingresso di Mendicino

Colori intensi, sottolineati dal volo di una farfalla leggera e dalla delicatezza preziosa della seta. Fili invisibili ad unire passato, presente e futuro.

Simbolo di integrazione

Il murales, simbolo della ri-partenza post Covid, inaugurato a Mendicino su Via dell’Accoglienza, principale porta d’ingresso dell’abitato del cosentino, è stato disegnato da giovani migranti, in particolare dai minori non accompagnati dei centri di accoglienza inseriti nel progetto FAMI - L’arte di conoscersi in Cantiere, finanziato dal fondo asilo e migrazione del ministero dell'Interno, realizzato da PartecipaAzione in ats con l’associazione Porta Cenere.


Cerimonia suggestiva

La cerimonia di inaugurazione dell’opera si è svolta, nel rispetto delle norme anti covid, alla presenza del sindaco, Antonio Palermo, del parroco, don Enzo Gabrieli e delle altre figure istituzionali del territorio. Il laboratorio artistico propedeutico alla realizzazione del murales è stato condotto da Amaele Serino, presidente dell’associazione Sottosuolo.

La via della seta

Il tema della seta non è casuale: Mendicino vanta una storica tradizione in questo pregiato ambito del settore tessile. Nell'ottocento era tra i centri di maggiore produzione dell'intera penisola. Oggi gli antichi telai sono conservati nel Museo della seta

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top