Maxi operazione

’Ndrangheta, blitz contro la cosca Molè: oltre cento misure cautelari in tre regioni

L'inchiesta è coordinata dalle procure distrettuali antimafia di Milano, Firenze e Reggio Calabria. Nel corso delle indagini sequestrata una tonnellata di cocaina proveniente dal Sudamerica

270
di Redazione
16 novembre 2021
07:02

Un blitz della Polizia è in corso in diverse regioni italiane contro presunti appartenenti alla cosca Molè, una delle storiche famiglie di 'ndrangheta: sono oltre cento le misure cautelari chieste e ottenute da tre procure distrettuali antimafia, quelle di Milano, Firenze e Reggio Calabria

Al centro dell'indagine, nel corso della quale è stata sequestrata anche una tonnellata di cocaina proveniente dal Sudamerica, la cosca della Piana di Gioia Tauro, le sue ramificazioni in Lombardia e Toscana e le proiezioni all'estero. Gruppi che, seppur dotati di una certa autonoma, operavano in stretta sinergia.


I reati contestati agli indagati sono, a vario titolo, associazione mafiosa, concorso esterno in associazione mafiosa, estorsione, detenzione e porto illegale di armi, autoriciclaggio, associazione per delinquere finalizzata al traffico di droga, produzione, traffico e cessione di sostanze stupefacenti, usura, bancarotta fraudolenta, frode fiscale e corruzione

Oltre alle decine di ordinanze a carico di capi e gregari delle ‘ndrine della piana di Gioia Tauro, si sta procedendo anche al sequestro preventivo di aziende, beni immobili, terreni e rapporti finanziari. Tra i beni finiti sotto chiave in Lombardia (per un valore complessivo di 2,2 milioni di eruro), un'azienda del Comasco che opera nel settore logistico e per la quale è già stato nominato un amministratore giudiziario. Nella sola Lombardia sono stati eseguiti 54 fermi, si tratta di persone di origine calabrese provenienti dalla piana di Gioia Tauro, mentre a Reggio Calabria le misure in esecuzione sono 36.

A condurre le indagini sono state le squadre mobili di Reggio Calabria, Milano, Firenze e Livorno, coordinate dal Servizio centrale operativo della Polizia. Al filone milanese dell'inchiesta ha lavorato anche il Nucleo di polizia economico finanziaria della Guardia di finanza di Como

LEGGI ANCHE:

Il blitzArresti in Lombardia, dalle estorsioni alla gestione degli appalti: «Una ’ndrangheta 2.0 ma dai metodi arcaici»

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top