'Ndrangheta, la Corte suprema del Brasile ordina l'estradizione per il narcos Nicola Assisi

Negato il ricorso dei difensori dell'uomo originario di Grimaldi nel Cosentino per concedergli gli arresti domiciliari

10
di Redazione
30 giugno 2021
15:37

La Corte suprema brasiliana (Stf) ha disposto l'immediata estradizione in Italia di Nicola Assisi, ritenuto affiliato alla 'ndrangheta e arrestato l'8 luglio 2019 a Praia Grande, nello Stato di San Paolo. La seconda camera della Stf ha votato all'unanimità il mantenimento della detenzione e l'estradizione di Assisi in Italia, dove è stato condannato a circa 30 anni di carcere per vari reati tra cui il traffico internazionale di droga.

Sono quindi stati respinti i ricorsi presentati da Assisi per lasciare il carcere di Brasilia, dove si trova attualmente, e passare al regime di arresti domiciliari. I difensori dell'uomo, di 63 anni, originario di Grimaldi nel Cosentino, nelle loro motivazioni avevano affermato che il loro cliente si trova in uno "stato di salute fragile" e che appartiene al gruppo di rischio per la pandemia di coronavirus.


guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top