'Ndrangheta, nuovi indagati nell'inchiesta Basso profilo: sono due imprenditori

Si tratta di Gianni Mazzei e Antonio Merlino. Avrebbero chiesto all'ex finanziere D'Alessandro informazioni su un loro socio

84
di Redazione
25 gennaio 2021
19:47

Ci sono due nuovi indagati nell'inchiesta "Basso profilo" condotta dalla Dda di Catanzaro contro una presunta associazione per delinquere legata alle cosche di Cutro nella quali sono coinvolti l'assessore regionale al Bilancio e segretario regionale dell'Udc Franco Talarico e il segretario nazionale dello stesso partito Lorenzo Cesa, l'imprenditore Antonio Gallo, considerato intraneo alla cosca Trapasso di San Leonardo di Cutro, e l'ex finanziere di Catanzaro Ercole D'Alessandro accusato, tra le altre cose, di accesso abusivo a sistemi informatici.

Si tratta di due imprenditori: Gianni Mazzei, presidente della sezione di Crotone dell'Asssociazione dei costruttori Ance, e Antonio Melino.


D'Alessandro, accusato di avere illecitamente preso informazioni su altre persone per scopi privati, simulando si trattasse di lavoro - secondo quanto emerso - sarebbe stato istigato, nella maggior parte dei casi a compiere questo reato dalla sua compagna, la gastroenterologa di origini albanesi Odeta Hasaj e da Mazzei e Melillo desiderosi di ottenere informazioni su un loro socio, reo di essersi appropriato di somme appartenenti agli altri soci per poi dileguarsi.

In cambio di lavori edili gratuiti nell'abitazione della figlia, l'ex finanziere avrebbe effettuato visure dalle banche dati in uso alla Finanza e avrebbe contattato colleghi della polizia giudiziaria elvetica dopo avere appreso che il socio era emigrato in Svizzera, dopo una indagine per bancarotta fraudolenta. Indagini improprie che sono andate avanti da maggio a novembre 2018.

Il luogotenente Ercole D'Alessandro in quattro occasioni avrebbe indotto i suoi colleghi a rilevare ogni genere di informazione sull'ex amministratore unico della società Hexagon srl (società con sede a Simeri Crichi avente ad oggetto fa produzione e commercializzazione di energia elettrica da fonti rinnovabili) nella quale, tra gli altri, erano soci Mazzei e Melino. Dati anagrafici, redditi percepiti, dichiarazioni dei redditi, immobili intestati e tanto altro.

D'Alessandro si sarebbe fatto consegnare le informazioni dai colleghi riferendo di dovere «riferire al Dottore», millantando un rapporto con il Procuratore Gratteri. Mazzei, inoltre, sarebbe stato raccomandato da D'Alessandro ai suoi interlocutori «quale affidabile e solido imprenditore a cui affidare i lavori appaltati da enti pubblici». 

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top