Morte sospetta a Cosenza, l'Annunziata precisa: anziano accolto in codice rosso

Intanto la Procura ha nominato il dottor Massimilla per eseguire l'autopsia. Risultati noti entro sessanta giorni

8
di Salvatore Bruno
21 febbraio 2019
13:30

La Procura di Cosenza ha conferito al dottor Mirko Massimilla l'incarico per l'esecuzione dell'autopsia sul corpo di Mario Toteda, l'anziano di 81 anni deceduto lo scorso 19 febbraio nella rianimazione dell'ospedale dell'Annunziata. L'esame sarà effettuato nel pomeriggio di domani 22 febbraio. I risultati saranno resi noti entro 60 giorni.

Chiarimenti dalla Direzione dell'ospedale 

La Direzione dell'Azienda Ospedaliera di Cosenza ha trasmesso la ricostruzione dettagliata degli accadimenti che hanno scandito la giornata del 19 febbraio, terminata con il decesso dell'anziano. Secondo quanto si legge nella nota, l'81enne è giunto in pronto soccorso, con un'ambulanza del 118 «alle ore 13,06 con richiesta di posizionamento di catetere vescicale. All’arrivo sono stati registrati i parametri vitali e il paziente risultava dispnoico con gravi difficoltà respiratorie, per cui gli è stato attribuito il codice di priorità rosso. Dall’esame obiettivo e dagli esami ematochimici si è registrata acidosi metabolica severa – ovvero disturbo dell’equilibrio acido base – indice di estrema gravità e dall’ecografia la vescica risultava vuota. E’ stata avviata adeguata terapia e alle ore 16,19 per un aggravamento delle condizioni generali, si è proceduto al ricovero, del paziente, in rianimazione dove, dopo circa 30 minuti, si è registrato arresto cardiocircolatorio irreversibile con exitus alle ore 17,00».

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio