Abusi edilizi a Santa Caterina, scattano due denunce

Le irregolarità urbanistiche sono state compiute a meno di 300 metri dalla battigia. Deferiti all'autorità giudiziaria i due responsabili dell'esecuzione dei lavori

13
di L. C.
15 gennaio 2019
16:31

Sono due i casi di abusivismo edilizio individuati e sanzionati dalla polizia ambientale nel Comune di Santa Caterina sullo Ionio nel Catanzarese. Il primo accertato è stato realizzato a una distanza inferiore ai 300 metri dalla battigia del mare e quindi in zona sottoposta al vincolo paesaggistico ambientale mentre il secondo a una distanza di poco superiore. In particolare i militari, nel corso degli ordinari servizi, individuati i manufatti, hanno proceduto alla verifica dell’esistenza dei necessari titoli abilitativi e, accertata l’insussistenza, anche nei competenti uffici comunali, ed eseguiti gli accertamenti e i rilievi di rito, hanno deferito all’autorità giudiziaria i due soggetti responsabili dell’esecuzione dei lavori.


Di particolare rilievo sono risultate le modalità di esecuzione dei lavori consistiti nella realizzazione di platee in cemento alle quali in adiacenza sono stato collocati dei container trasformati in una abitazione funzionale con pannelli coibentati, cucina, saloncino, e servizi igienici completi di impianto elettrico, idrico e con scarico per le acque reflue. Il contesto ambientale, costituito da uliveti ubicati a poca distanza dal mare, e le modalità di realizzazione, stanno costituendo un elemento di particolare attenzione da parte dei carabinieri forestali, al fine di contrastare sul nascere possibili fenomeni di lottizzazione abusiva in uno dei contesti di elevata valenza paesaggistico-ambientale quale la fascia litoranea del basso Jonio catanzarese.


Nella stessa giornata, nell'ambito dei servizi generali e del rilievo che ha assunto la problematica dell’enorme diffusione nell'ambiente delle microplastiche, i militari della stazione Carabinieri forestale di Catanzaro hanno accertato che in un negozio di ortofrutta a Catanzaro Sala erano utilizzate buste di plastica non biodegrabili prive delle diciture previste dalla normativa. Al titolare del negozio è stata quindi contestata la relativa violazione per la quale è prevista l’applicazione di una sanzione amministrativa da 2.500 a 25.000 euro.

 

l.c.

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio