Ambulanze senza medico a bordo, nel Lametino servizio 118 al collasso

Il servizio di emergenza dell’Asp di Catanzaro continua ad essere ridimensionato e sotto organico. Domani in tribunale approda la vertenza contro il recupero coatto dell’indennità

149
di Tiziana Bagnato
8 marzo 2021
20:40

Mentre la questione delle indennità cancellate con tanto di “rimborso” forzato direttamente dal conto corrente, domani approda in Tribunale, il servizio di emergenza dell’Asp di Catanzaro continua a vivere in grande affanno.

Poche ambulanze e spesso senza medico a bordo. Oggi ad avere il “privilegio” di essere medicalizzate sono stati solamente i mezzi di Lamezia Terme e Falerna. Maida e Soveria Mannelli, invece, no.


Continua la penuria di professionisti iniziata dopo l’avvio dell’azione di recupero delle indennità dalla triade commissariale che guida l’Asp di Catanzaro. I mezzi sono spesso vetusti e sono comunque troppo pochi. Spesso le ambulanze impiegano oltre 40 minuti per arrivare lì dove viene richiesto l’intervento “urgente” del 118 perchè quella più vicina è già impegnata.

Una situazione che si sta incancrenendo nel tempo e che svilisce il diritto alla salute e la dignità di un servizio primario come quello del 118.

Giornalista
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top