’Ndrangheta

Arresti nel Reggino, l’ascesa di Rocco Molè: via dal centro per minori dopo l’omicidio dello zio

Il 26enne ritenuto capo del clan Molè, dopo il delitto avvenuto nel 2008 decise di lasciare la struttura per rientrare nell'ambiente criminale per dedicarsi agli affari della famiglia

35
di Redazione
16 novembre 2021
12:40

Rocco Molè, 26 anni, indicato dagli inquirenti come capo dell'omonimo clan 'ndranghetista nell'ambito del blitz che stamani ha portato all'arresto di oltre 100 persone in tutta Italia (36 dei quali disposti dalla Dda di Reggio Calabria) è stato per 3 anni, quando ancora era minorenne, a Torino in una struttura di recupero gestita da "Libera" nell'ambito del progetto "liberi di scegliere" promosso dall'autorità goudiziaria minorile per il reinserimento nella società dei figli dei boss mafiosi.

Molè, alla morte dello zio omonimo Rocco, assassinato nel 2008 nell'ambito di un conflitto interno con gli alleati storici Piromalli, decise di lasciare il programma per rientrare nell'ambiente criminale per dedicarsi agli affari della famiglia. Il clan Molè, secondo la Dda reggina, si sarebbe allargato nelle regioni del Nord, in particolare in Lombardia, dove avrebbe impiantato i metodi classici della 'ndrangheta, con mire espansionistiche sulla Svizzera. 


GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top