L’impero della coca

Ascesa e caduta del latitante più ricercato dopo Messina Denaro, Morabito dovrà scontare 30 anni di carcere

VIDEO | È atterrato all’aeroporto di Roma (Ciampino) questa mattina, estradato dal Brasile. Le indagini, l'arresto e il profilo del narcotrafficante (ASCOLTA L'AUDIO)

32
di Redazione
6 luglio 2022
12:49

Rocco Morabito è atterrato all’aeroporto di Roma - Ciampino questa mattina, estradato dal Brasile, dove era stato arrestato il 25 maggio 2021 dalla polizia federale brasiliana. Era inserito nella lista dei latitanti di massima pericolosità facenti parte del programma speciale di ricerca del Ministero dell’Interno.

Le indagini sono state coordinate dalla procura di Reggio Calabria, diretta da Giovanni Bombardieri, supportata dal Servizio di Cooperazione Internazionale di Polizia - progetto I-Can (Interpol Cooperation Against ‘ndrangheta) e dalle agenzie statunitensi Dea e Fbi.


Le indagini e l’arresto

Il broker è stato al centro di una complessa vicenda investigativa. Individuato infatti in Uruguay nel settembre 2017 e catturato da uomini del Ros dopo 23 anni di latitanza, il 24 giugno 2019 era riuscito a evadere da un penitenziario di Montevideo, dove era in attesa di estradizione verso l’Italia. A maggio 2021, il monitoraggio delle scie telematiche ha permesso di localizzarlo a João Pessoa, dove era in compagnia di un altro ricercato di ‘ndrangheta, Vincenzo Pasquino, ricercato dai carabinieri Torino.

La rapidità delle procedure di estradizione, che sembravano essersi arenate a causa di un procedimento penale aperto dalla magistratura di San Paolo nei confronti di Morabito, è stata resa possibile grazie all’intensa attività di raccordo tra l’Ambasciata d’Italia in Brasile, il Progetto I-Can e le Autorità brasiliane. Il Progetto I-Can, promosso e finanziato dall’Italia attraverso Interpol, ha costituito una rete di 13 Paesi in tutto il mondo per il contrasto alla minaccia globale costituita dalla ‘ndrangheta.

Bombardieri e Dominijanni: «Grande soddisfazione per l’estradizione»

«Grande soddisfazione» per l'estradizione è stata espressa dal Procuratore della Repubblica e dal Procuratore generale di Reggio Calabria, Giovanni Bombardieri e Gerardo Dominijanni.

«Oggi finalmente, con il suo rientro in Italia - dicono ancora Bombardieri e Dominijanni - Morabito è stato assicurato alla giustizia del suo Paese, dove dovrà scontare la lunga pena cui è stato condannato. Un particolare ringraziamento va rivolto al Capo dipartimento per gli Affari di giustizia ed al Direttore generale degli Affari internazionali e della Cooperazione giudiziaria del Ministero della Giustizia, che hanno seguito personalmente la vicenda dell'estradizione di Morabito in Italia».

Il profilo

Rocco Morabito, secondo ricercato in Italia per pericolosità criminale dopo Matteo Messina Denaro, i crismi dello “svelto” li aveva già dimostrati fin dalla prima metà degli anni ’80. Rocco u Tamunga, un nomignolo affibbiatogli per la passione nutrita per un vecchio modello di fuoristrada militare tedesco fabbricato dalla Dkw, al pari di moltissimi delle giovani leve della 'ndrangheta della piana di Gioia Tauro e della Locride, sbarca a Milano e si fa subito valere negli ambienti criminali.

Appena venticinquenne, Morabito, avvia – con la regia della cosca madre ‘africota’ dei Morabito-Palamara -Bruzzaniti - un fiorente traffico di stupefacenti, eroina e cocaina, inondando i locali della movida meneghina di ‘polvere e champagne’, ricavandone cifre vertiginose. «È il balzo – racconta all’Agi un vecchio sott’ufficiale dell’Arma – che permette alla 'ndrangheta della Locride di trasformare i soldi dei sequestri di persona in attività ‘visibili’, lecite, soprattutto nei commerci e nella gestione dei locali notturni».

Rocco Morabito è uno dei nuovi volti a cui le cosche della 'ndrangheta affidano la loro internazionalizzazione, soprattutto monopolizzando l’acquisto di partite ingenti di cocaina dai ‘cocaleros’ mesoamericani, scalzando Cosa nostra a colpi di miliardi di vecchie lire, fino a conquistare la totale fiducia dei vari ‘cartelli’ del sud America per la grande disponibilità di soldi e per la puntualità dei pagamenti. Pur avendo grande credito nelle gerarchie della sua cosca di appartenenza, non ha mai occupato un grado strategico elevato nell’organigramma dei Morabito-Bruzzaniti-Palamara, pur essendo stato uno dei creatori di ricchezza del gruppo criminale di Africo e di altre famiglie a esso collegate. Nella “Milano da bere”, Rocco Morabito, oltre a manovrare elevate quantità di stupefacente, è uno dei protagonisti degli anni d’oro delle discoteche, dei lounge bar famosi, muovendosi spesso tra piazzale Baracca e piazza Diaz, dove, a frotte, giungono tutte le sere i rampolli della borghesia milanese in cerca di forti emozioni.

Un terreno fertile per fare soldi ma, soprattutto, per intessere rapporti, conoscenze con personaggi dello spettacolo e del mondo degli affari, un percorso che porta fino ai nostri giorni, con la 'ndrangheta ormai infiltrata profondamente nel tessuto sociale ed economico della Lombardia.

Ma la bella vita non dura mai a lungo per uno ‘ndranghetista, e tanto meno per Rocco u tamunga, diventato nel frattempo uomo di fiducia dello zio Domenico Antonio Mollica, uno dei protagonisti negli anni ’80 della sanguinosa faida di Motticella, scoppiata all’interno della cosca africota a seguito di contrasti per la divisione del riscatto del sequestro della farmacista Concetta Infantino, originaria di Ferruzzano, a quattro passi da Africo. Rocco Morabito, nel 1994, impatta contro la legge, quando tenta di pagare oltre tredici miliardi di lire ad agenti sotto copertura scambiati narcos, in cambio della fornitura di una tonnellata di cocaina. Da quel momento, dopo essere riuscito a schivare le manette, Morabito è uccel di bosco e durante un arco di quasi venticinque anni, tutti trascorsi tra Brasile, Argentina e Uruguay, corrompendo settori della vita pubblica, riesce a sottrarsi alla cattura dei carabinieri in varie occasioni, fino all’estradizione di ieri dal Brasile. In Italia lo aspetta una condanna definitiva a trent’anni di reclusione.

GUARDA I NOSTRI LIVE STREAM
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio
top